Questo sito contribuisce alla audience di

Cernobyl parte seconda

Ma quali furono le conseguenze?

Il vento e le precipitazioni fecero ricadere tra il 60 e il 70% delle radiazioni sul suolo bielorusso, mentre il resto dei territori contaminati si trova in Ucraina, in un’area che si estende fino a Kiev.
Circa 300 000 persone furono evacuate, ma ancora circa un milione vive nella zona, approfittando dei sussidi e delle leggi speciali che li favoriscono rispetto al resto della popolazione.
Agenzie di Kiev organizzano perfino tour in giornata nell’area semiabbandonata.
Ma naturalmente gli esiti delle radiazioni si fanno sentire. Finora è stata dimostrata un’incidenza molto elevata di tumori alla tiroide determinati dalla contaminazione con iodio, il quale però avedo un tempo di radioattività molto breve sta gradualemnte scomparendo. Rimangono invece al suolo cesio 137 e stronzio 90 che contaminano un’area di circa 40 000 m2, un tempo in parte destinata all’agricoltura, dove le persone son sempre vissute dei prodotti coltivati nei loro orti.

Questo incidente si inserì, non solo per coincidenza temporale, nel processo di dissoluzione dell’ordinamento sovietico, per l’irresponsabile comportamento delle autorità. Inoltre con questa tragedia il mondo scoprì quali erano le reali condizioni economiche e sociali in cui viveva la popolazione dei Paesi appartenenti all’URSS.

Le conseguenze si fanno sentire ancora oggi, ed in vario modo. Dal punto di vista sanitario, l’incidenza di malattie collegate agli effetti delle radiazioni è ancora molto elevata. Dal punto di vista economico, si registra da un lato un’insufficienza energetica, dall’altra l’impossibilità di coltivare gran parte del territorio agricolo, ed infine la necessità da parte dei governi di destinare una notevole percentuale degli scarsi ricavi ad azioni di bonifica del territorio ead attività socio-assistenziali per le persone coinvolte. Infine, la possibilità offerta a molti bambini di ricevere cure o effettuare anche brevi soggiorni all’estero, attività in cui ltalia è in prima linea ad es. con la Federazione Associazioni di Volontariato Italia per la Bielorussia, determina la volontà di emigrare da parte di molte persone che si scontrano con il modello di vita occidentale.