Questo sito contribuisce alla audience di

Portobello e gli altri

Guida ai mercatini londinesi

Come si fa a non aver voglia di andare un pò anche per mercatini quando sei a Londra? Il più famoso, Portobello, è anche lo street market più grande d’Europa. Si trova nel quartiere di Notting Hill, in una via parallela a Ladbroke Grove, e sin dall’inizio, in piena era Vittoriana, ha sempre ospitato un alquanto bizzarro campionario umano, indovini e ciarlatani venditori di elisir e pozioni miracolose inclusi. Dopo la chiusura del Caledonian Market nel 1948, arrivarono i commercianti di antiquariato, e ancora oggi il Portobello market è un mercato specializzato principalmente in antichità, seppure si può trovare di tutto, vestiti, decorazioni per la persona e la casa, chincaglieria varia, dischi, cassette, mobili e quant’altro (compreso l’eccentrico talento esibito dagli artisti da strada). Il giorno canonico in cui il mercatino si anima in tutta la sua lunghezza (oltre un miglio) è il sabato, ma anche durante la settimana Portobello è teatro di venditori coi commercianti di frutta e verdura che urlano a tutto spiano, mentre la domenica, con le bancarelle che vendono principalmente bric-a-brac e vestiti di seconda mano, l’atmosfera si fa più tranquilla. Naturalmente Portobello è anche il cuore dello spettacolare e pittoresco carnevale Caraibico di Notting Hill che dal 1966 attira milioni di visitatori da tutto il mondo. Si tiene durante l’ultimo weekend di agosto in cui ricorre la festività chiamata Bank Holiday, e l’intera zona esplode letteralmente di canti, ritmi, colori e danze. Gli altri mercatini che vale la pena visitare sono Petticoat Lane, aperto la domenica (il suo nome risale al ‘600, quando lì si raggruppavano i mercanti di vestiti, e ancora oggi principalmente vi troverete capi di vestiario), il Brixton Market (dal lunedì al sabato, un mercato dove si respira un’atmosfera molto West-Indian e dove troverete tanta frutta esotica), il Camden Market e quello di Covent Garden, ma di questi ultimi due mi occuperò più estesamente in altri interventi.