Questo sito contribuisce alla audience di

La fine di Lost: l' addio di milioni di fan a un cult

E anche per il cult Lost è arrivata l'ora di scrivere la parola fine....


Lost partì nel lontano 2004 insieme a grandi successi come Desperate housewives e Grey’s anatomy. Il creatore della serie che rischiò il tutto per tutto, promuovendo un telefilm rischioso sulla carta e fu JJ Abrams che diresse anche il pilot.

Bè anche se all’inizio molti titubavano sul futuro della serie, visto che non sembrava un prodotto adatto al grande pubblico, il successo arrivò subito, e rese Lost una delle serie più amate dell’ultimo decennio a detta di critica e pubblico. L’hanno osannata in 18 milioni che hanno seguito il pilot, e hanno creato siti internet, convention e teorie sul web rendendo il telefilm molto più che popolare, un vero e proprio cult.

In sei anni e 114 episodi abbiamo viaggiato insieme a Jack Locke e tutti gli altri, trovando sempre nuovi misteri e vivendo le emozioni che la serie tv ci ha regalato. E siamo arrivati alla conclusione. Dopo la prima morte sull’isola, quella di Boone, ne sono successe di cose: abbiamo scoperto che c’erano degli “Altri” e una botola misteriosa, che un certo Widmore voleva a tutti i costi trovare il posto e nell’ultimo ciclo di episodi abbiamo anche scoperto chi c’era dietro tutto: un certo Jacob.

Insomma Lost non ci ha annoiati mai, ma è giusto che anche per questo piccolo capolavoro sia arrivato il tempo di scrivere la parola “The end” come infatti si intitola il series finale della serie. Ieri abbiamo detto addio alla serie con una delle scene più emozionanti, il passaggio alla luce dei naufraghi.

Ma è tutto finito qui? Bè i fan rimangono, le discussioni sui misteri pure e quindi Lost non si è in realtà mai concluso almeno nel cuore di noi spettatori che non ci scorderemo di sicuro di Jack e company! Grazie a JJ Abrams per averci fatto questo regalo e alla Abc per averla mandato in onda.