Questo sito contribuisce alla audience di

LUIS Un'avventura chiamata magia

Terza e ultima parte dell'intervista esclusiva

A quali prestigiatori ti ispiri?

Più che ispirarmi cerco di imparare.

Purtroppo molte volte la parola ispirare viene confusa con la parola copiare.

Tutti noi agli inizi abbiamo avuto un modello che abbiamo copiato magari inconsapevolmente.

Il problema nasce quando qualcuno col passare degli anni non riesce o non vuole trovare una sua identità.

Quante brutte copie di Silvan, Copperfield o di altri artisti ci sono in
giro!?

Personalmente cerco di essere me stesso quando lavoro, ma se ho la
possibilità di imparare (Non copiare) qualcosa da qualcuno ci vado subito.
Comunque, non ti nascondo che ammiro molto Silvan.
Consiglio ai giovani di
andare a vederlo e di non soffermarsi solo sui “Trucchi” (Peraltro stupendi)
ma di osservare “l’artista”, il comportamento sul palco col pubblico, nei
camerini coi fans, le tecniche (frutto di anni di esperienza) che usa per
far partire un applauso, prolungarlo o trattenerlo.
Credetemi, se saprete
guardare un po più in la del gioco imparerete moltissimo.

Le tue letture magiche preferite?

Ho una collezione abbastanza nutrita di circa 200 libri sull’argomento.
In una sezione speciale invece tengo i pezzi a cui sono particolarmente
affezzionato e tra cui spiccano:

- Arte magica di Silvan con una stupenda dedica dell’autore

- A magician among the spirit con firma originale di Houdini del 1925

- Una serie di oramai introvabili volumetti del 1910.

Non mi fermo comunque ai soli libri di magia, ma qualsiasi cosa
che parli di circo, teatro, riviste o qualsiasi cosa che abbia attinenza
con lo spettacolo entra a far parte della nostra libreria.

I sogni nel cassetto di Luis?

Di solito cerco di tramutare i sogni in realtà, perciò lascio sempre aperto
il cassetto per facilitarne l’uscita.

Per scaramanzia non parlo volentieri dei progetti futuri se hanno una grande
rilevanza, comunque ti posso dire che stiamo lavorando a un sogno che
dovrebbe iniziare verso la metà del prossimo anno e che ci terrà occupati
per moltissimo tempo.

Quali suggerimenti daresti ai giovani che debuttano nel mondo dello
spettacolo e che vogliono dedicarsi alla magia?

Di non soffermarsi al “Trucco”.

Di leggere libri e, se ne hanno la possibilità, di andare a vedere gli
spettacoli dal vivo; ma ripeto, non soffermarsi al trucco o al gioco ma di
cercare di “rubare” le altre forme d’arte che ruotano intorno ad un buon
show: musiche, movimenti,coreografie, scenografie e di ascoltare i commenti
del pubblico che siede vicino.

Potrebbe essere lo stesso pubblico che un domani ci guarderà.

E’ importante capire cosa vuole il pubblico; ripeto, non sempre quello che
piace a noi piace anche al pubblico…

Io personalmente, quando posso, corro a vedere qualsiasi genere di
spettacolo, circo, teatro, magia, artisti di strada…

Vi assicuro, c’e sempre qualcosa da imparare!

Il pensiero di Luis sull’arte magica in Italia

Penso che potrebbe essere valorizzata molto di più.

Ma questo dipende molto da noi, da ogni singolo artista.

Ci sono molti illusionisti in Italia che tengono alta la bandiera dell’arte
magica ma, purtroppo, ce ne sono altrettanti che consapevolmente o meno
l’abbassano.

Quando vado a vedere un collega lavorare e vedo che ha successo sono
contento, perchè quell’artista ha lasciato una porta aperta ad un altro
collega.

Molti, invece, sono invidiosi del successo degli altri e ne parlano
male. Il problema e che questi “artisti” la maggior parte delle volte sono
quelli che poi le porte le chiudono.

Pressapochismo, improvvisazione, autoesaltazione sono vocaboli che devono
scomparire nel vocabolario dei maghi!

I tuoi prossimi impegni

Abbiamo diverse serate nel mese di Maggio in giro per l’Italia.

Saremo anche ospiti di tre Festival della Magia sempre a Maggio dove potremo
incontrare con piacere i colleghi:

10 maggio: festival della Magia - Porcia

17 maggio: Trofeo Alberto Sitta -Bologna

31 Maggio: festival della magia - Pordenone

Il tuo rapporto con internet

Odiavo i computer,non sapevo neanche cosa fosse internet.

Poi piano piano ne ho scoperto le potenzialità e mi sono reso conto che
starne fuori sarebbe stato come presentarsi in una gara di formula 1 a bordo
di una macchina d’epoca.
Assolutamente gloriosa ma che non può più
competere.

Poi mi sono appassionato ed ora i contratti, la posta elettronica e i fax
sono all’ordine
del giorno, col mio fido portatile, anche in autostrada.

La domanda che Luis rivolge a se stesso …

Domanda: cosa pensi di quelli che svelano i trucchi in tv?

Risposta……! ( CENSURATA DA RICHARD ).

Copyright intervista Richard/Luis 2003

Link correlati