Questo sito contribuisce alla audience di

Il nuovo romanzo di J. Flint 52 MAGIE PER L'AMERICA

James Flint ha catturato le emozioni, i sentimenti, i sogni, le illusioni e le disillusioni che spesso vivono nell'animo dei prestigiatori. E lo fa con il suo stile, che lo porta con dovizia di particolari, a svelare retroscena del mondo magico che molte volte, gli stessi illusionisti ignorano. Marco Tropea Editore Collana Le Gaggie Pagine 414 Prezzo: € 16,50

52 MAGIE PER L’AMERICA
James Flint

È da quando aveva nove anni che Martin Quick coltiva
un sogno: diventare il mago più famoso di Las Vegas. Ed
è da quando aveva nove anni che prova nel garage di suo
padre, in un paesino a sud di Londra, i trucchi da prestigiatore
imparati in un libro, regalo dello zio d’America
che di nome fa Harry e di mestiere l’illusionista.
Tanta fatica
e un pizzico di ossessione sembrano premiarlo quando,
anni dopo, “Martin Mystery” conquista il titolo di
Giovane mago dell’anno e il cuore della biondissima
Terri, sosia di Lady D e sua futura assistente sul palco.

Ma gli Stati Uniti sono lontani, i soldi sono pochi e il circuito
dei cabaret di provincia è la tomba di qualsiasi aspirazione.
Solo un miracolo può salvare il sogno di Marty,
che adesso è anche quello di Terri, o forse basterebbe una
circostanza fortunata. Come l’incontro in una giornata
piovosa di febbraio con Jill, che somiglia a Terri e, inevitabilmente,
alla principessa triste.
Due gocce d’acqua come
assistenti sono un’ottima dotazione professionale,
consentono trucchi di scena che nessun manuale di magia
può insegnare. E anche nel privato due donne uguali
ma diversissime possono rivelarsi una risorsa contro la
noia dei giorni, dare la pericolosa illusione di amare una
donna completa, che non esiste. La vita però trasforma i
sogni, usa i suoi giochi di prestigio, ha in serbo le sue sorprese
dolci e amare. Per Terri, per Jill, per la loro regale e
sfortunata sosia. E per il mago che voleva conquistare
l’America.

In un’epoca di eventi globali che rischiano di fagocitare
qualsiasi realtà domestica, che pur continua a esserci,
James Flint sceglie coraggiosamente un personaggio umano,
troppo umano, con piccole e grandi aspirazioni che
devono fare i conti con i segreti dell’esistenza, le possibilità
dell’inganno. E ci restituisce l’ottimismo delle illusioni
quotidiane che il mondo sembra aver perso.

Tratto dal sito MARCO TROPEA EDITORE

Link correlati