Questo sito contribuisce alla audience di

DECIMA EDIZIONE FESTIVAL INTERNAZIONALE DI SAN MARINO

Il successo della manifestazione magica sanmarinese, organizzato da GABRIEL & SABINA, che ha ospitato sul palco del Teatro Nuovo ALDO COLOMBINI, CLAUDIO PIZZUTI, PAOLO GIUA e SILVAN.

La decima edizione del Festival Internazionale della Magia di San Marino è stata degnamente festeggiata con un successo senza precedenti.

Platea e galleria del Teatro Nuovo gremite di pubblico entusiasta di assistere alle incredibili magie dei partecipanti, con grande soddisfazione dell’organizzazione, presieduta da Gabriel Merli con Sabina e dei rappresentanti dello Stato sanmarinese.

Una serata piacevolissima, preceduta sin dal mattino dalle conferenze di CLAUDIO PIZZUTI sulle monete, proponendo tecniche innovative e dell’oramai italo-americano ALDO COLOMBINI, in Italia per il suo tour di conferenze, che sono anche motivo di spettacolo per i prestigiatori.

ALDO ha dispensato con altruismo e spontaneità alcune sue “perle di saggezza” , nella speranza che oltre ai “giochi facili”, i maghi italiani possano ricordare i requisiti fondamentali del prestigiatore: qualità come entusiasmo, convinzione, positività e che ad ALDO hanno permesso di costruire una carriera consolidata e di successo.

L’atteso Gala presentato con spirito dallo stesso ALDO COLOMBINI, che riesce sempre a sorprendere per le sue battute e le gags originali, inizia con l’esibizione del padrone di casa GABRIEL, che dopo l’esperimento del “PROIETTILE FERMATO TRA I DENTI”, proposto il mercoledi precedente, a cui la stampa ha dato particolare risalto per la sua unicità (un esperimento “molto, molto particolare” presentato da pochi illusionisti al mondo del calibro di: Tony Binarelli, Hans Moretti, Penn & Teller) ha presentato un esperimento di “teletrasporto” di una carta gigante, scelta mentalmente da uno spettatore, che sparita da un “mazzo nuovo, intonso” si è “materializzata” tra le mani di una spettatrice, all’interno di una busta, precedentemente vuota.

A seguire l’applaudita esibizione di SABINA, con una sua nuova performance di magia generale e poi la volta di PAOLO GIUA, già vincitore di vari premi con il suo numero di manipolazione e applauditissimo dal pubblico sanmarinese.

CLAUDIO PIZZUTI in coppia con il suo BRICIOLA ha divertito i numerosi bambini presenti con l’antica arte della ventriloquia, sorprendendo i molti colleghi prestigiatori presenti, che ancora non lo conoscevano nelle vesti di ventriloquo.

L’atto finale del Gala è stato riservato ai “100 minuti di impossibile” creati da SILVAN, l’ospite atteso di questa fortunata decima edizione.

Uno spettacolo che ha alzato il ritmo del Festival, con la presenza della sua troupe e delle ballerine, protagoniste assieme a lui di illusioni semplicemente magiche.

Nonostante l’ora, il pubblico è rimasto letteralmente incollato alla propria poltrona ad assistere l’incantevole magia creata con maestria dalle sue mani.

SILVAN, come ho già avuto modo di scrivere nei miei interventi, è per antonomasia l’icona della prestigiazione e anche per questo al termine dello spettacolo, ammiratori e prestigiatori, l’hanno atteso per avere una foto ricordo con lui, un autografo sui suoi libri che per tanti hanno significato l’inizio di un’avventura chiamata magia.
Il pubblico sicuramente ha accolto il messaggio conclusivo di SILVAN, che ha esortato la gente ad assistere agli spettacoli dei prestigiatori capaci di creare spettacolo.

Il concorso che si è svolto domenica è stato vinto dal romano OLIVER che ha presentato un numero di manipolazione.

Ringrazio GABRIEL per avermi invitato ad assistere al Festival, dove ho ritrovato tanti amici prestigiatori e giovani desiderosi di trascorrere giornate dedicate alla magia e all’amicizia.
Sono certo che nelle nuove leve della magia esista questo desiderio di aggregazione, di crescita e in questo i clubs potrebbero essere ambienti ideali, come lo sono stati per coloro che hanno trovato nella prestigiazione successo e gratificazioni.

Quello a San Marino è stato un viaggio in un altro Paese: quello della FANTASIA.