Questo sito contribuisce alla audience di

Lo Zelten di Vittorio Todisco

Ed ecco qui una ricetta della nostra guida di Latino, Vittorio Todisco, anzi della di lui consorte, la signora Maria, dolce collaudato in casa Todisco, il primo a terminare tra le tante bonta' natalizie.

Lo Zelten di Vittorio
Todisco

Angie carissima,

come ti avevo promesso, finalmente riesco ad inviarti la ricetta del
Zelten, dolce tipico dell’Alto Adige, insieme alla foto che ti dà un’idea precisa dell’aspetto finale.

Come ti ho già anticipato, questa è una vera bomba, perché gli ingredienti principali sono frutta secca e canditi. Il dolce è stato collaudato una infinità di volte, e sempre con grande successo, perché qui, almeno, dalle nostre parti è del tutto sconosciuto.

Angie, scusami se ho fatto trascorrere un bel po’ di tempo, prima di inviarti la ricetta, ma devo spiegarti che il motivo fondamentale è che mia moglie Maria ha un suo ricettario personale, che sembra una raccolta di telegrammi, che soltanto lei riesce a decifrare! Finalmente oggi l’ho trovata rilassata e mi ha concesso l’onore di mettere ordine.

Ingredienti:

- burro, 150 gr.

- zucchero, 150 gr.

- uova, 4

- farina, 300 gr.

- 1 bicchierino di grappa

- scorza di limone grattugiato

- 1 bustina di lievito Pane Angeli

Preparazione:

Procedere all’impasto come una torta qualsiasi.

Aggiungere 300 gr. di fichi secchi tagliati a cubetti e 300 gr. di cedro candito in pezzi non eccessivamente piccoli. Infine, insieme aggiungere all’impasto 300 gr. di noci sgusciate.

Porre tutto l’impasto in una teglia imburrata e decorare la superficie della torta, come da illustrazione, con mandorle e canditi, a piacere.
Volendo, si può aggiungere ciò che si ha in casa e lavorando di fantasia.

Infornare e tenere per circa 40 minuti, più o meno, a 200 gradi di temperatura, seconda del tipo di forno.

Chi è pratico di queste preparazioni, sa bene che ogni forno ha una sua caratteristica particolare, per cui i tempi di cottura possono variare, anche se non eccessivamente. Comunque la cottura ideale viene indicata dal distacco della torta dalle pareti della teglia.

Servire freddo e tagliare la torta a fette, come si vede chiaramente nella foto.

Per darti un’idea della bontà della torta, ti informo che ogni volta che questo dolce è stato offerto ad amici, parenti o conoscenti, è sparito in un baleno, mentre sono rimasti ignorati tutti gli altri dolci, torte ecc., per non parlare dei panettoni, soprattutto in periodo natalizio.

Non ti saprei dire in contenuto in calorie di una torta del genere, ma sicuramente deve essere altissimo, a giudicare dagli ingredienti! Provare per credere, comunque.

Un abbraccione da parte mia ed un saluto cordialissimo da parte della mia Maria.

Se non ci sentiamo durante tutti questi giorni di festa, ma tutto credo, fuorché tu te ne stia zitta zitta, ti faccio i miei più sinceri auguri di Buon Natale e Buon Anno. Aggiungo gli auguri di tutto cuore per la tua particolare situazione personale, che trovi una soluzione che ti porti serenità e tanta felicità.

Tu conosci benissimo il nostro detto tipico, che circola a sud: “ce no si squasce, no
s’aggiuste”
. Te lo cito in tarantino, ma tu mi capisci benissimo. Vero?

Vittorio

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti