Questo sito contribuisce alla audience di

Addio Veronelli

All'età di 78 anni si spegne a Bergamo Luigi Veronelli famoso enogastronomo. La notizia della morte è stata data dalla famiglia che, nel chiedere “massimo rispetto per il dolore, prega gli amici di portare l’ultimo saluto mercoledì primo dicembre al Cimitero Monumentale di Bergamo”.

Fonte La gazzetta del mezzogiorno

Veronelli, autore di numerose pubblicazioni, era nato a Milano nel 1926: per quasi 50 anni ha rappresentato il critico enogastronomico per eccellenza. Uomo di battaglie, intuizioni, stimoli, idee a favore della cultura del mangiar e del bere bene e dell’agricoltura italiane.

Se oggi i vini, la cucina e «i giacimenti gastronomici» d’Italia - come li aveva definiti - stanno avendo il successo che meritano, gran parte è stata opera sua. Scrittore brillante, battutista tagliente e creatore di un lessico tutto suo, Veronelli era uomo di grandi polemiche. Basti ricordare, ad esempio, il contrasto (e la penalizzazione a livello di giudizio) con un grande chef come Vissani, reo di non usare l’olio extra vergine di oliva nel fritto.

Le sue Guide - le ultime sui ristoranti, sul vino e sugli alberghi sono appena uscite - hanno fatto scuola e tendenza. Veronelli non classificava solo i ristoranti ma premiava i piatti che più lo avevano affascinato, descrivendoli con una prosa smagliante e sontuosa. Le sue idee sui cru, sui barrique, la spinta a considerare in un ettaro coltivato più la qualità che la quantità, il recupero dei vitigni autoctoni, la classificazione dei vini e molte altre intuizioni hanno fatto di Veronelli un critico che - come è stato detto - non «assaggiava» i vini ma ci «dialogava». E le sue descrizioni sono rimaste celebri: da “Bocca piena e calda”, a “vino da meditazione”, al recente “prime wine”. Assistente in gioventù del filosofo Giovanni Emanuele Bariè, collaboratore di Lelio Basso, Veronelli è stato amico di Luigi Carnacina con il quale ha scritto grandi testi (“La grande cucina“, “Mangiare e bere all’italiana“, “La cucina rustica regionale” di Gianni Brera(con cui è stato autore di “La pacciada“), di Mario Soldati soldati.jpgche di lui scrisse: «se Brera il Gadda dello sport, Veronelli il Gadda dell’enogastronomia». Ma anche amico di Giangiacono Feltrinelli e dell’architetto design Silvio Coppola.

Tanto battagliero da essere condannato anche a sei mesi di carcere per istigazione alla rivolta dei vignaioli piemontesi per protesta contro i grandi monopoli. E a tre mesi per aver pubblicato un libro di De Sade.
Negli anni Sessanta e Settanta è stato autore di trasmissioni televisive sulla cultura dei vini e dei cibi. A 78 anni aveva nel cassetto un romanzo giallo e una miniera di idee per difendere la qualità, come le battaglie condotte con il sostegno dell’ANCI a favore delle Denominazioni Comunali dei giacimenti gastronomici e dell’olio d’oliva. Collaboratore di “Carta”, del “Corsera” e di “Class”, Veronelli dirigeva la rivista VERONELLI EV. Vini, cibi, intelligenze”.
Tra i suoi libri più recenti: “Le parole della terra” (con Pablo Echaurren), “Viaggio in Italia per le Città del Vino“, “Vietato Vietare”, “Breviario Libertino“, “Il San Domenico di Imola“.

® La gazzetta del mezzogiorno

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati