Questo sito contribuisce alla audience di

Involtini della Comare Mimma

E sempre lui il cuciniere mascherato, fido compagno di tutte le nostre internaute con una nuova e succolenta ricetta

 

 

 

 

Involtini della Comare Mimma
(tempo di preparazione 10 min – cottura 15)

 

 

 

- 250 g di manzo tagliato a fettine sottilissime,

- 150 g pane grattugiato,

- 3 cucchiai di parmigiano,

- 2 spicchi di aglio,

- un pizzico di peperoncino,

- olio extravergine d’oliva,

- mezzo bicchiere di vino bianco,

- stuzzicadenti.

Esecuzione:

Il Vostro Cuciniere Mascherato non sta mai fermo: sotto le miti, gentili, romantiche spoglie di…. Nonvelodico viaggia,  la fida cucchiara al seguito, celata nella valigetta 48ore da Grande Manager, la maschera nera occultata nel vano batterie del computer portatile (acceso, in viaggio, solo per guardare che ora è: ma fa così chic! aspettare l’autorizzazione del pilota, per tirarlo fuori, in aereo…) ,  la capa fresca…. Beh, quella si vede, extra size com’è, piazzata lassù, fra le due orecchie, che, almeno, uno scopo, la capa, sembra avercelo: separare appunto i due padiglioni auricolari…Insomma, il Cuciniere viaggia, studia, spia le cucine altrui.
Poi ve le porta.
Come ad esempio questa preparazione che proviene dalla Sicilia.
E non l’ho rubata: la regalò,  tanti-troppi anni fa, la comare Mimma (messinese d.o.c. da Rodia Per Marmora) a mia madre. Mia madre è negata, per il cibo: sono ottanta anni che vive da malata (culinariamente parlando) e, tra altri cent’anni, morirà sanissima….. Fortunatamente il povero Papà era uno che in cucina era una forza della natura e fu lui che a usò a dovere, la ricetta.
Bene, della storia della mia augusta famiglia a voi nun ve ne po’ fregà de meno, ma la ricetta…. Sì quella ve la do:

Fate un impasto mescolando il pane grattugiato, il formaggio, l’olio e uno spicchio di aglio spremuto. Qualche goccia di vino bianco, non guasta. Il sale, ovviamente, neppure, il peperoncino è di rigore, se ben tritato ed in modica quantità.
Giovani: quando dico mescolare, dico MESCOLARE. L’impasto deve risultare omogeneo e morbido, non sfatto….


Avviso ai cucinanti:

L’aglio spremuto, in quantità” umana”, non aromatizza l’alito: quindi il bacio-in-bocca non ne soffre.

Questo è un avviso per cucinanti che poi ambiscono a diventare anche “trombanti”

La carne: ideale è quella che, nei supermercati, vendono già affettata per il carpaccio.
Anche gli “straccetti” vanno bene: è solo più difficile confezionare gli involtini per via della forma meno regolare delle fettine.

Fate degli involtini con le fettine e riempiteli dell’impasto. Fermateli con gli stuzzicadenti: non più di due per involtino, meglio ancora uno. Se ce ne vogliono tre forse avete fatto dei rollè di carne non degli involtini… Ricordate: una vostra deliziosa ospite deve poterli addentare in due bocconi. Magari guardandovi con aria intrigate ed allusiva …
Ponete gli involtini in una teglia con un filo di olio, l’altro spicchio di aglio (questa volta intero) ed il resto del vino bianco.
Un pizzico di sale: non sulla carne, solo nel sugo. Sennò la carne diventa dura.


Avviso ai cucinanti 2:

Non fate strani e speranzosi tentativi col sale di cucina: se non diventa duro con la gentile, intenta e competente cooperazione della deliziosa ospite di cui sopra, lasciate stare ed iscrivetevi alla locale bocciofila: vi divertite meno ma eviterete fastidiosissime irritazioni da sale da cucina…E se non avete capito di cosa parlo, iscrivetevi come Soci Sostenitori …

Se vi avanza (ed io vi consiglio di farvelo avanzare, lega benissimo) versate nella teglia anche il resto dell’impasto: in questo caso aumentate un po’ l’olio ed il vino.
In forno a 180° per una quindicina di minuti, poi 5 minuti per gratinare.

Si possono anche arrostire, magari sulla piastra, gli involtini: dipende da come state a impianto di abbattimento fumi e maschere antigas, nel vostro appartamento…

Nota geografico/turistica: una ricetta simile la servono in Croazia: l’ho assaggiata a Montona. In un ristorante sulla piazza. La comare Mimma è un’altra cosa, ma i Croati avevano tanta buona volontà…

Nota personale:
se Gianni, figlio della comare Mimma e mio amico d’infanzia, legge questa ricetta, non sveli, prego, la mia identità segreta, ma mi telefoni: sono sempre nella stessa città e sull’elenco, perfino. Io lui, il Gianni l’ho perso di vista in quel di Parma…

 

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti