Questo sito contribuisce alla audience di

La Scaloppina del terrorista di Francesco Di Domenico

Simpatica conoscenza (non si sa bene ancora per chi) del Laboratorio di scrittura umoristica che sto frequentando, pe me fa sta quieta, questo a detta sua, mi ha regalato la sua famosissima e collaudata ricetta: La scaloppina del terrorista

Scaloppina del terrorista

Ingredienti:

- Lombo di vaccina (maiale sarebbe più arrapante)
- Un etto di speck tirolese
- Mezza cipolla
- Burro di S.Agata (bianco mi raccomando)
- Olio d’oliva (oliva vergine, anzi extra)
- Pepe bianco in grani e macinato all’occorrenza
- Mezzo bicchiere di chianti rosso o due cucchiai da cucina di Nero d’Avola

Esecuzione (che non significa che ti fucilano, il che non guasterebbe)


Lo speck tagliato a tocchetti (senza asportare il grasso,per carità) va soffritto lievemente nel burro con una spruzzata d’olio e le cipolline, la
cipolla deve diventare bionda come una puttana e non nera come un’africana.
Togliere lo speck imbiondito e le cipolline e riporlo a parte. Le scaloppine impanate di farina vanno “sanguinate” nel sugo avanzato e rimpinguato di
altro olio d’oliva. Appena si scorge il primo sanguinamento si toglie dal fuoco e vi si aggiunge per ogni scaloppa un pezzo di speck, si cosparge di
pepe grattugiato, vi si aggiungono i grani di pepe bianco integri e si rimette sul fuoco, quindi si fiammeggia col vino rosso e si serve in tavola
(volendo con una fetta di limone fresco da spremere al momento).
Si serve con lo stesso vino usato per cuocere, Nero d’Avola, chianti e dimenticavo anche corvo rosso o Rapitalà.
Si serve esclusivamente con panini al lievito napoletani, croccanti e spaccagengive (pane cafone astenersi) con cui è permesso fare la scarpetta.

Dopp’ truovete ‘na brandina ‘ò ‘ffrisco, ca ò guaglione vuole soddisfazione sessuale perché sé allupato!

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti