Questo sito contribuisce alla audience di

Leopardi a Tavola a Montechiaro di Vico Equense

'Leopardi a tavola. Quarantanove cibi della lista autografa di Giacomo Leopardi a Napoli' è stato realizzato da Domenico Pasquariello e Antonio Tubelli. Si tratta di un documento autografo rinvenuto tra le carte dello scrittore di Recanati che si conservano presso la Biblioteca nazionale di Napoli, dove compare un elenco di 49 ricette, indicate sommariamente nei rispettivi titoli.

leopardi a tavola, antonio Tubelli e Diego Pasquarielli
Il volume nasce dalla fantasia di Domenico Pasquariello, detto Dègo, residente a Parigi, coadiuvato da un altro gastronomo, Antonio Tubelli, i quali hanno cercato di immaginare quali dovessero essere le esperienze del Leopardi «napoletano», tra il 1833, anno del suo arrivo nella città del Golfo, e il 1837, anno della sua morte.

“Conosci tu il Paese dove fioriscono i limoni..?
Dalla Poesia “Mignon” di Goethe
Montechiaro di Vico Equense - Sagrato antistante la “Cappella Rossa”
10 luglio 2009 ore 20,45
Presentazione del libro

“Leopardi a tavola”

con:
-Antonio Tubelli, Cuoco Autore, insieme a Diego Pasquariello, del libro
-Carlo Vecce
Docente presso l’Orientale di Napoli di Letteratura Italiana
Visiting Professor presso l’Università della California/Los Angeles
A seguire
Festa del Pane Cafone

“Omaggio alla cittadina di Laterza(Ta)” e al suo straordinario panr
A cura Associazione Aequa 20
Info: cell.339 60 31 725
cuomobeniamino@alice.it

Cibi dimenticati e letti purtroppo soltanto da collezionisti bibliofili. Non tutti, infatti, sono a conoscenza della lista che si conserva alla Biblioteca Nazionale di Napoli insieme alle Carte del poeta; un ritaglio di carta avorio, lungo e sottile, dove la scrittura minuta e precisa, chiara ed elegante di Giacomo Leopardi si staglia netta, perdendosi nei toni dell’inchiostro bruno; un appunto, un promemoria, una traccia di un desiderio esaudito: quella lista racchiude infatti un elenco di 49 piatti realizzati con mano sapiente lì, a Napoli, dove Giacomo arriva nell’autunno del 1833 insieme all’amico Antonio Ranieri.

Nel libro fotografie e atmosfere della Napoli del periodo leopardiano. Si propongono venti ricette a partire dalla lista leopardiana, seguendo l’ordine di una cucina ritmata dalla sequenza delle stagioni.

Gli autori: Domenico Pasquariello (Dègo) è nato a Roma, vive a Parigi.
Dottorato in Science des Arts et Communication e nella pittura produce intensamente nel suo atelier: mostre a Parigi, Firenze, Francoforte.
Afferma le sue concezioni di vita materiale fondando (1987) L’Accademia della Pasta: luogo propiziatorio di riflessione e creazione, effetto del rito pastico, sano e lento. Ne seguono dei Banchetti Allegorici, che uniscono la spettacolarità plastico/pittorica alla crescita morale/intellettuale (manifestazioni a Trento, Paris, Nancy;e il programma televisivo francese “Le Cercle de Minuit”). Le sue opere si articolano parallelamente sulla scrittura e la pittura.
Significativi negli ultimi anni: “Petrarca – banchetto per un mese”.(Bacoli 2004). “Ri/presentazione del Viven/Ambien-TE”. (Gragnano-Bacoli-Cavriglia 2006).

Antonio Tubelli, chef, cucina napoletana

Antonio Tubelli nasce a Napoli. Fervente di storicità si occupa della riattualizzazione della grande cucina popolare napoletana, dagli studi di G.B. Del Tufo, A. Latini, V. Corrado, I. Cavalcanti, ecc., all’originaria pratica discriminante della cucina di strada. L’adesione alla fondazione (1988) dello Slow Food e l’incontro con il magnifico Maestro-Cuoco Angelo Paracucchi.

Nel 1997 con il fratello Lucio, crea la bottega laboratorio di gastronomia Timpani & Tempura. È docente nei corsi di Master Food organizzate dallo Slow Food nel quadro dell’Università Italiana di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e Colorno.

Partecipa al Festival Internazionale del Cibo di Strada che si svolge a Cesena. In Cina (2006) ha partecipato al progetto Campania Taste, realizzando cene e tenendo lezioni. È stato invitato all’evento alimentare mondiale Terra Madre. È stato consulente gastronomico in tutte le edizioni del Salone del Gusto (Slow Food); ha realizzato la Cucina Napoletana nelle rassegne Slow Cheese e Slow Fish. Ha partecipato al Salt Expo (2007), primo incontro mondiale per la salvaguardia dei beni dell’uso del sale. Nel 2007 Timpani & Tempura diviene sede didattica dell’Università italiana di Scienze Gastronomiche.

Titolo: Leopardi a tavola. Quarantanove cibi della lista autografa di Giacomo Leopardi a Napoli
Genere: Libri Cucina ed economia domestica
Autore: Domenico Pasquariello e Antonio Tubelli
Editore: Fausto Lupetti Editore
Anno: 2008
Collana: Saggistica
Informazioni: pg. 190
Codice EAN: 9788895962047
Prezzo: € 18,00

Per giungere a Montechiaro ,venendo da Napoli: giunti a Seiano, proseguire per 1,5 km circa.Quando troverete l’insegna sulla sinistra di Drummond’s pub rallentare e, dopo 200 metri, girare a sinistra , seguendo indicazioni Clermont Club

N.B.: Se possibile, provate a parcheggiare presso Pizzeria”La Madonnina”

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti