Questo sito contribuisce alla audience di

Ethernet

Un po' di storia sulla nascita delle reti telematiche

La tecnologia Ethernet è stata progettata
presso il Palo Alto Research Center (PARC) di Xerox nel 1972 con
lo scopo di trasferire dati fra i mainframe.

Nel 1983 The Institute of Electrical and Electronics Engineers (meglio
conosciuto con la sigla IEEE
) definì lo standard 802.3 per la tecnologia Ethernet (10 Mbit/sec)
assicurando la compatibilità per tutti i network costruiti su questa
tecnologia.

Ancora oggi, grazie a questo standard che ha assicurato non solo la compatibilità
ma anche la scalabilità della tecnologia, nello stesso network possono
coesistere e comunicare periferiche Ethernet 10 Mbps e 10/100 Mbps.

Proprio la scalabilità è uno dei punti chiave della longevità dello standard:
anche le versioni Ethernet più moderne (Fast e Gigabit) sono pienamente
compatibili con le precedenti.

Le tipologie di
Ethernet


Protocollo

Nome

Velocità

Cablaggio

10Base2

Coassiale
o Thinnet

10
Mbit/secondo

Cavo
coassiale

10BaseT

Ethernet

10
Mbit/secondo

Cavo
UTP categ. 3 o sup.

100BaseTX

Fast Ethernet

100
Mbit/secondo

Cavo
UTP categ. 5 o sup.

100
BaseFX

Fiber-Cabled Ethernet

100
Mbit/secondo

Fibra
ottica Multi-Mode 100MBps

1000BaseT

Gigabit Ethernet

1000
Mbit/seondo

Cavo
UTP categ. 5 o fibra

Questa
tabella mostra le diverse tipologie di reti Ethernet; in questa guida tratteremo
le prime tre, in quanto sono le più usate e attualmente le più diffuse.
Tratteremo parzialmente lo standard 10Base2 e ci concentreremo su 10BaseT e
100BaseTX; questi due infatti rappresentano gli standard che offrono un migliore
rapporto qualità prezzo e che garantiscono upgradabilità. Un transfer rate di
10 Mbit/secondo può essere comunque l’ottimale per piccole attività lavorative
o per il gioco multiplayer; in questo caso è comunque preferibile lo standard
10BaseT per le ragione che andremo ad approfondire.

Le categorie della guida