Questo sito contribuisce alla audience di

Andiamo a Pesaro

Un tempo componente della Pentapoli, oggi importante centro turistico, industriale e commerciale proprio in cima alle Marche. Dove si fondono arte, cultura, turismo.

E’ passato un bel po’ di tempo da quando Pesaro era popolata da isolate primitive tribù italiche. La storia ha fatto il suo corso, relegando la città sotto il dominio dei Piceni, degli Etruschi, dei Galli Senoni, fino a diventare colonia romana. Ma era solo l’inizio: nel medioevo insieme agli altri importanti porti di Ancona, Fano, Rimini e Senigallia formò la Pentapoli marinara, dipendente dai Bizantini e quindi dai Longobardi. Successivamente, dopo la reggenza del Papa, vennero le grandi signorie e le loro nobili gestioni: dai Malatesta agli Sforza ai Borgia ai Della Rovere, per tornare definitivamente alla Chiesa nel 1631, prima del Regno d’Italia.

Le testimonianze di tutti questi eventi storici sono visibili a Pesaro, regalando al turista moltissime occasioni di immergersi in arte e cultura: la chiesa di San Domenico, con un bellissimo portale di scultura gotico-veneziana, la chiesa di Sant’Agostino, la cattedrale romanica, la Rocca Costanza (nella foto, mirabile esempio di architettura militare, del ‘400), il teatro Rossini. Per chi pensava che Pesaro significasse solo cucine sono delle belle scoperte…

Ah, se proprio ve ne fregaste di tutte queste possibilità di elevarvi intellettualmente e culturalmente, c’è il mare: un bel bagnetto nell’Adriatico e qualche danza in una delle tante discoteche allieterà anche chi ha gusti diversi…

Distanze in kilometri: Urbino 36, Ancona 76, Macerata 127, Ascoli Piceno 198, Rimini 39, Ravenna 92, Perugia 134, Firenze 196, Milano 359, Roma 300.