Questo sito contribuisce alla audience di

X-Men #224

Ecco la recensione di Shelidon di X-Men #224!

X-Men - David Finch

X-men divisi #3 (X-men: Divided #3, da Uncanny X-men #497 del giugno 2008). Un uomo saggio una volta disse “che palle Uncanny di Bru”. Quell’uomo aveva ragione. Che dire? La grafica dell’accoppiata Choi-Obak, freschi freschi da Witchblade, sono sempre gradevoli ma, per dio, non si riusciva a imbastire niente di meglio di questa storia? La trama di Piotr, Logan e Kurt in Russia (e chiamiamola trama per essere gentili) sarebbe anche passabile, ma avrebbe bisogno di una controparte degna di questo nome. E quale sarebbe la controparte? Emma e Scott tra i figli dei fiori? Basta vedere la copertina e la faccia da scemi che hanno per capire che non può funzionare. Tutte le storie di Brubaker sembrano dei riempitivi per… per cosa? Beh, a noi che lo sappiamo la cosa fa girare ancora di più le scatole. Bocciato a pieni voti nonostante la gradevolezza grafica.

Dalla Genesi alle Rivelazioni #3 (da X-men: Legacy #210 del giugno 2008). Exodus e Xavier portano avanti il loro scontro sul piano astrale e la storia si riduce ad un inutile riassunto delle puntate precedenti. Quali puntate? Puntate a caso: Bolivar Trask, Danger, Scott, le sentinelle, Genosha, Madripoor. Un’intera pagina per raccontarci che Emma viene a conoscenza che il professore è vivo. Altre tre pagine di flash-back senza pathos. E’ piuttosto straziante vedere Mike Carey così privo di idee e di mordente. Che cosa manca a questa storia? Non saprei. Ma con tutto il passato degli X-men a disposizione mi sarei aspettata qualcosa di più intenso di questo. Il club infernale ritorna in scena (con una delle copertine più brutte della storia, e complimenti a chi l’ha scelta per l’albo) e ci troviamo proiettati verso il prossimo numero con la parola “cronus”. Pessimismo e fastidio.

War Baby #3 (War Baby #3, da Cable #3 del luglio 2008). Continua la corsa più pazza del mondo, con Cable davanti e di dietro… ehm… ok, non lo dico. Ma devo confessarvi che anche questa storia laddove dovrebbe suscitare pathos riesce solo a suscitarmi il riso. O meglio, riderei se non fossi così incazzata. Come siamo arrivati a questo punto? Perché a nessuno viene in mente che Alfiere era un uomo con dei principi, un integerrimo poliziotto con cui Ororo ebbe quasi una mezza storia su X-treme X-men? Possibile che a nessuno dia fastidio vedere Lucas Bishop così trasformato senza che nessuno si sia preso la briga di dare uno straccio di spiegazione? Perché la spiegazione ci sarebbe anche (Layla e Madrox, andando nel futuro, hanno incasinato il continuume Lucas ora è un uomo diverso da quello che conoscevamo), ma sarebbe troppo complicato per la semplicistica gestione Marvel del tempo. Appesantirebbe una serie in cui tutto ciò che interessa è vedere due grandi omoni muscolosi in mutande venuti dal futuro che si picchiano. Incredibile come il fumetto americano possa essere gay senza nemmeno rendersene conto. E non fraintendetemi, questo Cable è anche scritto bene, anche a Svirc… a Swierc… a Svaccalavacca palesemente manca quella controparte narrativa che nella precedente serie aveva dato a Cable un’inaspettata profondità psicologica. L’entrata in scena di Cannonball promette solo un nuovo omaccione in scena. Ma perché?

Le luci si spengono (Lights Out, da X-men: Divided we stand #2 del luglio 2008). Solo un commento e questo commento è: basta storie introspettive con la Bestia in solitaria. Basta. Ho capito che questa storia faceva da controparte a Endangered Species, stesso autore, stesso disegnatore, va bene, l’avete fatta e andava bene, ma ora basta, seriamente. Non se ne può più. Avete preso quell’uomo e l’avete usato in tutte le sfaccettature che riuscivate a pensare. Ed evidentemente non riuscite a pensarne altre. Basta. Ah, a proposito: il titolo originale della storia, Lights out, è la frase che viene detta alla sera nelle prigioni e in alcuni college, quando vengono spente le luci. Magari “luci spente” sarebbe stata una traduzione un filo più calzante. Ma va bene lo stesso. E dal prossimo numero torna LucaS alle note: non avrei mai immaginato di rimpiangere la sua assenza.

Ecco le cover di X-Men #224!Ecco le cover di X-Men #224!Ecco le cover di X-Men #224!

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti