Questo sito contribuisce alla audience di

District X

Ecco il corto completo District X

District X, lucca comics & games, marvel comics, premio flash gordon, vincenzo salvoIl vostro corto, District X, ha ricevuto alcuni premi alla recente Lucca Comics & Games 2009, quali premi ha ricevuto? Siete soddisfatti del risultato?
I premi che abbiamo ricevuto, nell’ambito del nuovissimo evento Lucca Movie&Cosplay, sono stati due: Miglior Attore e Premio Flash Gordon. Il primo l’ho vinto io per l’interpretazione di Wolverine, a pari merito con un attore di Indiana Jones e la Legione Perduta, altro corto in gara. Il secondo ci è stato assegnato dall’Associazione Culturale Flash Gordon, che ha organizzato l’evento. Abbiamo fatto in tempo a scambiare qualche parola con due disponibilissimi organizzatori, che ci hanno confidato il perché di questo premio: erano rimasti molto colpiti dal nostro lavoro, trovando che catturasse lo spirito della manifestazione. Per dirlo con parole loro, “era proprio una cosa del genere ciò che speravamo di vedere in questo concorso”. Di sicuro è stata una grande soddisfazione… oltre che un momento a suo modo commovente!

Com’è stato vincere a Lucca?
Lo definirei… culminante =D lavorare al corto ci ha “derubato” di moltissimi momenti liberi per quasi quattro mesi, e l’idea del concorso ci ha spronati ad impegnarci per darci una scadenza. E’ stato un ottimo pretesto: anche quando si è molto presi da un progetto, è spesso difficile trovare tempo e costanza per portarlo a termine. Il traguardo del Movie&Cosplay, però, era chiaro e ben definito, specie nelle tempistiche, ed è anche per questo che non ce la siamo presa comoda. Alla fine i corti in gara erano nove… direi un buon risultato per la prima edizione del concorso! E’ stato bello vedersi messi alla prova così, con tante proposte tutte diverse!

Avete in mente un sequel a questo corto? Vedremo di nuovo in azione Ciclope, Wolverine e Jean?
Diciamo che è tutto da vedere. Il mio sogno come regista di fan movies sarebbe dare la “mia versione” di altre due serie Marvel, Spider-Man e Hulk, con un film per ciascuno a completare il trio inaugurato dagli X-Men. Per quello di Hulk ho già pronto il soggetto e nei momenti liberi butto giù idee per la sceneggiatura… la cosa particolare è che, ispirandomi un po’ alla versione “intrapsichica” di Peter David, sto scrivendo un film su Hulk… senza Hulk. Una specie di viaggio nella psiche di Bruce Banner dove il Golia Verde resta la minaccia, il pericolo dietro l’angolo. Ad ogni modo, non abbiamo accantonato l’idea di continuare con i progetti sugli X-Men, perché ovviamente presentano altissime potenzialità di lavoro di gruppo. Vorremmo ampliare il cast a nuovi mutanti, ma cercando di far “ruotare” i protagonisti, perché in dieci minuti non ci si può concentrare su tanti personaggi. Se gireremo il sequel, insomma, dubito fortemente di inserirmi (Wolverine) come protagonista, ma vorrei limitarmi a un ruolo molto marginale. Lo stesso vale per Ciclope, ma non per Jean: tra i due preferisco sicuramente la seconda ad incarnare il ruolo di leader! Un personaggio che mi è mancato molto nel primo progetto, poi, è stata Tempesta… e abbiamo una mezza idea di lavorare su Gambit. È un personaggio dotato di grande fascino, ma non è di facilissima gestione. Si rischia di trasformarlo in una “macchietta sexy” come nella versione hollywoodiana.

Porterete il corto in altri contest?
Se dovesse presentarsi l’occasione… per il momento non ci siamo informati!

Ci svelate alcune easter eggs del corto?
La cosa che più ci siamo divertiti a fare è stato inserire piccole citazioni scarabocchiate sui muri. Nel bagno pubblico dove Logan comincia la sua missione sulla porta troneggia la scritta “Jesus was a Mutant”… messaggio irriverente che compariva in alcuni episodi di New X-Men. Accanto all’evidente Magneto was Right, poi, c’è una scritta incompleta che comincia con Who watches… che strizza l’occhio a Watchmen. Il deposito ferroviario di Marrow, infine, è un vero concentrato di graffiti, anche se alcuni si intravedono solo per una frazione di secondo (ad esempio Die mutie scum, ossia Morite, feccia mutante). Un discorso a parte merita il graffito posto vicino all’ingresso del covo… HELLO THERE, ossia “Ehilà”, scritto con la O e la T di due colori diversi in modo che possa anche essere letto HELL HERE (“Qui è l’inferno”). Non è semplicissima da cogliere, ma è un omaggio a Batman: il ritorno di Tim Burton, nella scena della nascita di Catwoman. Forse l’ultimo riferimento da veri nerd è il giornale alla fine: Front Line è un quotidiano fittizio che nell’Universo Marvel è gestito da Ben Urich, e svolge un ruolo principale durante Civil War e Spider-Man: Brand New Day. Altre curiosità potrete scoprirle tra non molto nel filmato degli Errori di Scena, che contiamo di pubblicare entro fine mese =D

Ancora complimenti per la vincita, per il corto, in bocca al lupo per il futuro e ricordatevi… Magneto was right!
And Jesus was a Mutant!

Ecco la cover del corto realizzata da Vincenzo

Ecco la cover del corto realizzata da Vincenzo

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti