Questo sito contribuisce alla audience di

INFLUENZA AVIARIA (Virus dei polli)

Sembra un allarme non tanto giustificato

Scienziati affermano che casi di morte di uccelli migratori, quali avvengono in questi giorni, sono fenomeni annuali, che si ripetono.
Stranamente prima non ne parlava quasi nessuno.
Non voglio assolutamente affermare che i virus non esistono e che non si debbano prendere precauzioni.
Ma bisogna riportare entro i limiti naturali ciò che sta accadendo.
C’è poi da dire che le mutazioni dei virus possono avvenire, ma che sono estremamente rare e che difficilmente un virus può trasformarsi in modo tale da poter essere trasmesso dai volatili all’uomo con facilità.
Non va sottovalutato tutto quello che accade, ma l’estremo allarmismo, per ora ingiustificato, provoca danni psicologici e materiali.
Voglio darvi intanto un elementare consiglio
Per evitare un contagio di qualsiasi tipo occorre prima di tutto osservare norme igieniche generali, quali la pulizia delle mani e degli alimenti oltre che non esporsi a contatti o “vicinanze” pericolose.
Bisogna tenere presente che uno dei più efficaci disinfettanti in questi casi è l’ipoclorito di sodio (la candeggina, distribuita anche in farmacia sotto diversi nomi).
Le carni bianche italiane, controllate a dovere, possono continuare a far parte dei nostri quotidiani alimenti.
Per maggiore tranquillità, la carne, come le uova, se ben cucinate sul fuoco, diminuiscono il rischio ed anche la paura di chi, fra di noi, stenta a non averla.
Buon appetito e… CIAO !

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Profilo di mariop79

    mariop79

    14 Mar 2010 - 14:14 - #1
    0 punti
    Up Down

    Mi avete fatto passare la voglia di mangiare…. credo che sia importante a tutti di cercare di mangiare la carne ben cotta (anche se meno buona) per evitare problemi allo stomaCO O virus

Ultimi interventi

Vedi tutti