Questo sito contribuisce alla audience di

Ansia, panico e metodo Buteyko

Interpretazione di ansia ed attacchi di panico nella teoria del dott. Buteyko.

Quando ci troviamo in una situazione stressante aumentano i battiti del cuore, le mani ci sudano, alcuni muscoli si contraggono senza motivo, aumentano la frequenza e la profondità respiratoria.

In una persona sana, una volta eliminata la situazione stressante, l’equilibrio tra sistema nervoso simpatico e parasimpatico restituisce al corpo le condizioni di normalità, ma se la reazione respiratoria non si esaurisce in un tempo ragionevolmente breve si entra in una fase di “iperventilazione cronica“.

In caso di iperventilazione cronica l’equilibrio tra sistema nervoso simpatico e parasimpatico si può alterare e questo ritorno alla normalità viene a mancare, così la persona rimane in un continuo stato d’ansia, che di notte spesso peggiora, creando disturbi al sonno. La teoria del dott. Buteyko ci spiega che si arriva alla perdita di grosse quantità di CO2 ( Anidride Carbonica) e quindi ad una sensibile riduzione dell’apporto di O2 (ossigeno) alle cellule, e pertanto ad una stanchezza cronica.

Iperventilazione ed ansia formano un circolo vizioso, poiché in uno stato ansioso aumenta la respirazione, aumentando il volume d’aria immesso aumenta la quantità di CO2 eliminata, e così si compromette sempre di più l’equilibrio e l’ansia aumenta, fino ad arrivare agli attacchi di panico.

Il metodo del dott. Buteyko permette di interrompere questo circolo vizioso, in quanto insegna come ridurre l’iperventilazione in modo da riportare il corpo in equilibrio ristabilendo gli ottimali scambi gassosi e facendo si che il corpo non abbia più bisogno di scatenare patologie come l’Ansia ed il Panico.