Questo sito contribuisce alla audience di

Relazionarsi con gli Altri e con l'Ansia.

Strategie della comunicazione alla luce delle persone ansiose . . . piccole regole per migliorare i contatti umani e la conoscenza interpersonale.......un semplice esercizio per cambiare le nostre sbagliate convinzioni... . . . . .

RELAZIONARSI = La relazione con gli altri = Racconto di cose viste o sentite dire, tutto ciò che è contatto di parola ed altro tra uomini.

ANSIA = Travaglio dell’anima

COMUNICARE = Rendere noto, far partecipe, rendere comune ad altri, palesare, dividere con altri.

Tre parole Relazionarsi, Ansia, Comunicare, che quando sono ” insieme ” danno origine ad un disagio oggi molto comune, in questo mondo fatto di competizione esasperata dove ognuno deve essere PRIMO e basta …e deve assolutamente potere o sapere ” Emergere sugli Altri ” non importa come, non importa quanto, ma Bisogna essere sempre al Di sopra mai al Di sotto!

Eppure ci sono dei momenti relazionali nel lavoro, in amore, nel comune stare con gli altri, nei quali può insorgere un senso di inadeguatezza, di emozione, ed infine di ANSIA .

Ansia che impedisce di comunicare in modo soddisfacente ed efficace a discapito del nostro volere.

In queste situazioni per coloro che sentono questo “disagio” è consigliabile aumentare il controllo consapevole del proprio sentire . . . . . . . la propria attenzione dovrebbe essere volta alle proprie percezioni ed alle proprie espressioni.

Per fare questo cerchiamo di vedereci come se fossimo spettatori di noi stessi apprezzandoci e gratificandoci ogni qual volta esprimiamo il nostro sentire a gli altri e notiamo negli altri la comprensione di cio’ che volevamo trasmettere.

Da questa attenta osservazione deve nascere la consapevolezza che anche noi siamo come gli altri , siamo in grado di essere ascoltati e compresi.

Quando invece ci facciamo prendere dall’ansia ecco che avvengono alcune modificazioni anche fisiche che denotano il nostro disagio.

La mimica facciale , la sudorazione, l’aumento della frequenza cardiaca, l’aumento della respirazione ed anche il timbro della voce che si modifica. . . . . queste sono alcune delle risposte del nostro corpo all’ansia!

Cosa nasconde questo disagio ?

Sicuramente insicurezza di se stessi e paure di inadeguatezza tutte modalità che si possono riassumere in un unica parola la TIMIDEZZA.

Molte persone cercano di mettere a freno queste reazioni cercando sistemi che possano mascherare queste reazioni ad esempio molti “grossi fumatori ” sono solo persone che soffrendo di timidezza cercano di porre rimedio al loro disagio atteggiandosi o facendo in modo che la sigaretta faccia loro da schermo verso il confrontarsi con gli altri.

Già il loro inizio di Fumatori era figlio del volere in qualche modo “dimostrare di più di ciò che si supponeva di essere “!

A volte proprio la paura e l’angoscia di “un possibile insuccesso ” strozzano in gola le parole ed anche il senso dei discorsi viene meno.

Il senso di inadeguatezza prende il sopravvento, ed a questo punto molti, per paura di sbagliare si trincerano in un mutismo senza senso . . . la carenza di comunicazione però accresce ancor di più l’insicurezza ed il senso di insuccesso.

Queste persone ogni qual volta si trovano in ambienti a loro nuovi o con persone nuove, la paura del confronto le porta a somatizzare una crisi ansiosa con l’inibizione della facoltà di comunicare ed una regressione dell’ IO con una conseguente ulteriore perdita di autostima.

Esistono delle tecniche che possono aiutare nel riprendere in mano le redini del nostro essere e quindi riuscire ad uscire da queste situazioni spiacevoli che non fanno altro che demolire sempre di più la propria soggettività.

. LA TECNICA . . . . .

Questa tecnica andrebbe eseguita in affiancamento con esercizi del metodo Buteyko i quali tramite il miglioramento degli scambi respiratori risolvono molte problematiche tra le quali quelle dell’Ansia.

Quindi con un po di musica dolce e rilassante in sottofondo distendetevi ed ad occhi chiusi portate la vostra attenzione al vostro corpo ascoltandone il respiro e sentendolo pesante e caldo.

Immaginatevi in un luogo traanquillo (al mare, in campagna, in montagna o al lago…) . . . . e portando l’attenzione al vostro respiro che alterna calme inspirazioni ad espirazioni, condividete la serenità che il vostro respiro vi regala …immaginate di non essere soli ma con tante persone che come voi vivono questa situazione. . .. sentitevi a vostro agio . . . . sentitevi rilassati e calmi….le persone che avete intorno lo sono con voi…….voi vivete con loro e come loro respirate . . . . .siete in perfetta armonia con gli altri ……guardateli mentre parlano a due, tre o gruppi più grandi. . . . .dapprima da spettatori poi diventate anche voi protagonisti del “parlare” . . . . .guardate come la gente sta ad ascoltarvi e come gioisce della vostra compagnia. . . . . . . sentitevi gratificati per tutto ciò.

Godete di tutte le meravigliose sensazioni che il corpo in questo momento vi da.

Ditevi……. io sto comunicando ed il mio cuore è sereno batte tranquillo,il mio respiro è lento e regolare ……..il mio cuore è pieno di gioia.

Adesso portate l’attenzione alle emozioni che avete generato.. qualsiasi siano. . . .sentite la forza del vostro comunicare su gli altri e quanto il vostro io ne sia contento.

State trasmettendo il vostro sentire . . . .tutti vi stanno ad ascoltare .

Ringraziatevi di essere li e di vivere questo momento di comunione con gli altri.

Adesso riportando l’attenzione al respiro cercate di ascoltare di nuovo il vostro corpo di percepirne il peso e la sua rinnovata calme e serenità….. quando lo riteniate opportuno riaprite gli occhi …vi sentirete sicuramente più carichi e convinti che qualsiasi vostro problema si risolvera’ .

Ogni qual volta lo vogliate tornate in questo posto………ripetete l’esperienza…… e godetene gli effetti salutari.

Questo semplice esercizio di visualizzazione vi porterà, se vorrete” lavorarci sopra ” con costanza e pazienza, ad accrescere la vostra autostima ed a vincere quelle situazioni che Prima erano solo di imbarazzo e di sofferenza.

.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Marco21

    17 Jul 2010 - 21:12 - #1
    0 punti
    Up Down

    Ciao,

    ho letto questo articolo con molto interesse poiché io rispecchio alla perfezione il tipo di persona citata.

    Ora sono molto propenso ad iniziare questa sorta di terapia, ma volevo chiedere in anticipo se l’efficacia sia garantita, se vi sono altri metodi oltre a questo e delle specificazioni sul “Buteyko” che non ho capito bene cosa sia.

    Grazie fin d’ora,

    Marco

Argomenti

Link correlati