Questo sito contribuisce alla audience di

SINDROME DA STANCHEZZA CRONICA.

Ormai ben definita e studiata...la Sindrome da Stanchezza Cronica(CFS) sta diffondendosi sempre di più confermando gli studi e le scoperte che Buteyko ha fatto e che sono in grado di risolvere molti problemi a tante persone............

SINDROME DA STANCHEZZA CRONICA …( CHRONIC FATIGUE SYNDROME )

——————————-Per gli ” intimiCFS .—————————————-

Questo è il nome scritto sul biglietto da visita di questa “noiosa quanto debilitante patologia ” che negli ultimi anni sta facendo sempre di più “nuovi adepti “!.

La medicina “ufficiale” ha studiato ed ancora studia la CFS ma negli anni si è arrivati ad un unico risultato certo …quello di avere definito il “quadro clinico” .

Ma le cause certe …dei perchè si “scatena ” questa sindrome e quali sono i suoi meccanismi non sono stati ben delineati.

Il quadro clinico è ben definito

Estrapolato dal sito www.salutemed.it

( . . . questo è ciò che veniva riportato nel dicembre 1994 da un gruppo internazionale di studio sulla CFS del quale faceva parte il Prof .Umberto Tirelli, unico rappresentante per l’Italia e pubblicato sugli Annals of Internal Medicine il 15 Dicembre 1994,..)

Siamo in presenza di CFS quando si presentano le seguenti condizioni:

Una fatica “persistente”per almeno 6 mesi che non è alleviata da riposo,che si esacerba con piccoli sforzi e che provoca una sostanziale riduzione dei livelli precedenti delle attività occupazionali, sociali o personali; ed inoltre devono essere presenti almeno 4 o più dei seguenti sintomi, anche questi presenti per almeno 6 mesi:
Disturbi della memoria e della concentrezione tali da ridurre i precedenti livelli di attività occupazionale personale;
Faringite;
Dolori delle ghiandole linfonodali cervicali ed ascellari;
Dolori muscolari e delle articolazioni senza infiammazioni o rigonfiamento delle stesse;
Cefalea di tipo diverso da quella presente eventualmente in passato;
Sonno non ristoratore;
Debolezza post esercizio fisico che perdura per almeno 24 ore.
———————————————————————————-

Come si può notare proprio dalla definizione dei sintomi questa sindrome la si può ascrivere alle “patologie psicosociali” dovute allo stress.

Infatti anche negli studi della medicina “allopatica” si evidenzia lo stress come una “possibile” causa e spesso, proprio uno stress “respiratorio” dovuto ad una patologia o altro.

Ecco perchè questa “sindrome ” è in continuo aumento….aumentano gli stressors e quindi anche le patologie ad essi correlate!

Spesso quando non si sa da che parte dare risposte si addebita la causa a “mancanze del sistema immunitario “a” virus dei più misteriosi”, oppure quando proprio si “brancola nel buio”al classico “fattore ereditario”.!

Noi che insegnamo il Metodo Buteyko non siamo dei ” Maghi ” oppure degli “Unti dal Signore” ma semplicemente fin da sempre abbiamo studiato ciò che Buteyko ha scoperto e cioè quanto la cattiva respirazione può causare nell’organismo.

Soprattutto quali sono le sue “risposte”…….. e tra le “naturali” risposte del corpo umano alla cattiva respirazione c’è normalmente anche la Sindrome da Stanchezza Cronica!

Ma spieghiamo in poche parole che cosa si intende per cattiva respirazione:

Quando a causa di problemi di natura strutturale o legati ad uno stress (evidente o peggio nascosto ) la respirazione dell’individuo diventa quantitativamente “troppa”(iperventilazione)si causa all’organismo una “esagerata” perdita di CO2(Anidride Carbonica).

Questo a causa della elevata “volatilità” della CO2 ( 20 volte più volatile dell’Ossigeno )

A DIFFERENZA di ciò che da sempre ci è stato detto dalla medicina occidentale:(…..la CO2 E’ SOLO UN GAS DI SCARICO!”quindi meno ce nè meglio è !!?? ) Buteyko con i suoi studi ha compreso che l’importanza della CO2 era davvero fondamentale perchè possano avvenire “al meglio” gli scambi gassosi tra sangue e cellule.

Infatti se l’organismo non ha, a causa di perdite dovute appunto a stress o altro, quantità sufficenti di CO2 al suo “interno”, non potranno avvenire al meglio gli scambi tra Ossiemoglobina( globulo rosso portatore di Ossigeno) e Cellula in presenza di CO2…(effetto BHOR ) la cellula non verrà così “rifornita” del suo unico “carburante” l’Ossigeno!

Se le cellule non vengono rifornite “sufficientemente” di Ossigeno si capisce che il loro funzionamento sarà ridotto o addirittura inficiato (le cellule per prime saranno STANCHE senza “forza” !! ) come un motore al quale manca il carburante la loro “potenza” sara’ ridotta.

Ecco spiegata in quattro parole la CFS….le sue origini sono chiare come chiara e semplice è la risposta da dare…

FREQUENTARE UN CORSO DEL METODO BUTEYKO !

L’esperienza dei vari corsi Buteyko effettuati ci fa capire quanto, anche coloro che soffrono di questa sindrome, siano facilmente in grado di porre rimedio alle loro sofferenze “senza fare molta fatica” con solo pochi mirati esercizi da fare comodamente in qualsiasi luogo o momento della loro giornata !

Le reazioni ed i primi cambiamenti non si fanno attendere, la qualità della vita di coloro che sperimentano il Metodo ha degli immediati acceleramenti e miglioramenti, i risultati sono da subito quantificabili grazie proprio alle tecniche di misurazione che Buteyko ha inserito a complemento del suo metodo.

I cambiamenti poi si esprimono a vari livelli come a vari livelli si è presentata la patologia, cambia la qualità e l’intensità del riposare, che diventa rigenerante ed appagante, cambiano gli stimoli a livello della volontà del “voler fare”. . . .cambia, insomma tutto quel quadro di “inefficienze” che si aveva “prima”.

I corsi, che si effettuano per più persone, danno la possibilità di verificare anche negli altri ciò che sta avvenendo anche su se stessi . . .ci si rende subito conto che non abbiamo bisogno per guarire di medicinali, ma solo di capire i “messaggi” che il nostro corpo ci invia e dopo che li abbiamo “compresi” ci si dia da fare per metterci rimedio……ma il rimedio deve essere “naturale” come naturale è il nostro perfetto Organismo.

Per saperne di più potete scrivere all’indirizzo e-mail guidametodobuteyko@supereva.it

oppure a : info@nuoveenergieesalute.it

.

Link correlati