Questo sito contribuisce alla audience di

UNA GRANDE ESPERIENZA .. ( 9 )

L'atto finale del primo corso del Metodo Buteyko con i detenuti del carcere di Prato ( la Dogaia )..... risultati e commenti.

E così siamo arrivati all’atto conclusivo del primo corso del Metodo del dott. BUTEYKO con i detenuti del carcere di PRATO (la Dogaia).


Un corso più lungo del normale ( un mese e mezzo dove ci siamo “visti” due volte a settimana ) proprio per potere al meglio monitorare il lavoro fatto e soprattutto i risultati ottenuti.

-

Oggi quando ho consegnato il foglio dove scrivere la relazione su gli esercizi fatti e le loro impressioni finali mi hanno guardato e mi hanno detto…..“ma allora finisce davvero ! ?…”.


” Sì, ragazzi oggi è l’ultimo giorno…….”

” Allora non ci vedremo più ?”


Ed io… ” Tranquilli non vi lascio così…. ci vedremo almeno una volta al mese per vedere come procedono le vostre “cose” ,come va la vostra salute !

Ci vedremo ancora spesso e spero ogni volta con qualcuno in meno !…sapete voi il perchè !!


-

Le relazioni sono state al di sopra delle mie aspettative così come anche i risultati che in questo mese e mezzo di corso hanno permesso a “TUTTI” di ottenere dei notevoli risultati.

La quasi totalità dei “ragazzi ” era venuta al corso perchè animata in prima battuta dalla curiosità per questo corso che già dall’inizio si presentava per essere fuori del comune…con le sue teorie un pò troppo controcorrente….. dove si parlava dell’importanza dell’Anidride Carbonica quando si sa che fin dalla scuola elementare “ci propinano” che la CO2 non è niente di importante e che più se ne butta fuori meglio è !!!

-

Dai loro questionari di “ingresso al corso” era subito apparsa chiaramente in quasi la totalità di loro la tipica “sindrome da reclusione in carcere “ che consiste in patologie varie,spesso a carattere psicosomatico, che si ripetono…. queste patologie sono

-

Disturbi dell’umore, con repentini sbalzi,…

Insonnia,…..notti senza sonno o con continui risvegli

Ansia associata a volte ad attacchi di Panico

Depressione………..

-

Alla fine tutte queste patologie ,”a vari livelli”, sono state affrontate e risolte…specialmente per quanto riguarda , sonno ,umore ,ansia e panico il successo e stato TOTALE !

In tutte le loro libere relazioni hanno evidenziato il netto cambiamento da prima del Metodo a dopo il Metodo con commenti veramente belli dove ognuno mette in evidenza di essere diventato “padrone ” della propria salute e di essere adesso in grado di dominare” certe situazioni” che prima non riusciva a gestire.
In uno di loro poi c’è stato in più alle patologie sopra menzionate anche un grosso problema legato alla mancanza di una parte di un polmone a causa di un postumo di un conflitto a fuoco che oltre al polmone aveva causato grossi problemi anche al “diaframma” rendendolo di scarsa se non nulla funzionalità

Questi grossi e particolari problemi mai hanno indotto ad agire con molta “calma” con tempi un po’ dilatati in confronto a gli altri,non avendo mai incontrato un caso del genere.

Il “ragazzo” aveva spesso attacchi di panico quando “cambiava il tempo” (come diceva lui)…sentiva delle forti fitte al costato e la respirazione avveniva con enormi sforzi e difficoltà…. a cui seguiva sempre un attacco di Panico:

Il battito cardiaco di questa persona risultava sempre molto sostenuto (sempre sopra a 120 battiti al minuto) a volte ai limiti della tachicardia nella quale cadeva spesso.

Ogni volta che gli capitava questa “situazione” doveva chiedere l’intervento del medico ……..con il problema che tra il chiamarlo ed il suo intervento a volte passavano tempi lunghissimi dove il Panico si impadroniva ancor più di lui…….( chi ha provato un “attacco” di Panico sa quanto sia tremendo )

Le cure poi erano ,come è intuibile, psicofarmaci di pronto effetto i quali se da un lato aiutano da un’altro creano altri problemi…

Ricordo quando si presentò il primo giorno quanto fosse il suo scietticismo nei confronti del consolidato sapere che la CO2 faccia solo male…quindi…..

Ricordo le infinite domande,a volte un po perfide o a trabocchetto,che dimostravano in fondo attenzione e considerazione…ricordo i suoi primi esercizi con me che lo seguivo da vicino con la paura che potesse succedere qualcosa di “incontrollabile”….. ricordo però anche le misurazioni di controllo con i risultati dei parametri (Polso e Pausa Controllo) che mi dicevano che tutto era meglio del previsto….
Comunque da quella volta che trovandosi in piena crisi di Panico aspettando il dottore volle fare l’ESERCIZIO DI PRONTO SOCCORSO (che interviene repentinamente su situazioni del genere) e si accorse del pronto ed efficace risultato che l’esercizio gli induceva ecco che la fiducia nel metodo improvvisamente “Decollò” !!

Si sentiva finalmente in grado di Padroneggiare la situazione,nessuna crisi di panico gli avrebbe più fatto “paura! ”

E le crisi di Panico con gli esercizi girnalieri non ci sono più state ! Non ha dovuto più chiamare l’intervento del Medico,i suoi battiti cardiaci si sono abbassati di molto e adesso vive la sua situazione con tanta fiducia e tranquillità …..

Recentemente ha fatto un esame all’università dal titolo:”Le malattie sociali ………… lui ha portato il Metodo Buteyko,come risposta appunto alle malattie sociali…ha preso 27 e questo non è poco!

Questa è stata la più bella vittoria .il più bel regalo che si potesse fare!

Adesso non mi resta che iniziare il prossimo corso a cui ne seguiranno molti altri, so che ci sono già diversi detenuti che sull’onda del “sentito dire” da gli altri,si sono interessati per iscriversi al nuovo corso.

-

Sarà un corso un po’ diverso perchè in me si è consolidata una forte consapevolezza su ciò che il Buteyko possa fare per tutti i detenuti che soffrono di “certe” patologie….. sarà facile insegnare a questi ragazzi che la loro salute è alla portata delle loro possibilità e senza adoperare nessun medicinale !

Sarà comunque per me molto gratificante sapere che ancora altre persone potranno affrontare positivamente i loro problemi ed avere una migliore qualità della vita in un ambiente così difficile come è il carcere


.

.