Questo sito contribuisce alla audience di

SALUTE & ESTATE

Si sa ormai quando arriva l'estate la salute va in tilt. Caldo umidità e aria ricca di Joni positivi (quindi negativi per la nostra salute) questo è il mix al quale il nostro organismo deve assoggettarsi per resistere in attesa di tempi migliori. Testa, cuore e polmoni,canicola e umidità mettono a dura prova l'organismo: Sono tantissimi i segnali di disagio che il nostro organismo ci manda durante il periodo estivo:









SALUTE & ESTATE

 










Si sa ormai quando arriva l’estate la salute va in tilt.

 

Caldo umidità e aria ricca di Joni positivi (quindi negativi per la nostra salute) questo è il mix al quale il nostro organismo deve assoggettarsi per resistere in attesa di tempi migliori.


Testa, cuore e polmoni,canicola e umidità mettono a dura prova l’organismo: 

 

Sono tantissimi i segnali di disagio che il nostro organismo ci manda durante il periodo estivo:

 

 


Ad esempio debolezza, testa che gira e crampi muscolari: sono solo alcuni dei più comuni sintomi che accompagnano questa torrida estate.

Tutta colpa della disidratazione e dell’iperventilazione.

Risultato dell’esplosiva miscela tra caldo, afa e umidità, l’eccessiva perdita di liquidi può essere solo fastidiosa per chi gode di buona salute. Può invece diventare minacciosa per bambini e anziani. L’età sia l’organismo troppo giovane che troppo anziano , rende più vulnerabili le persone al caldo per via del minor numero di ghiandole sudoripare sulla pelle che riduce l’efficacia della dispersione di calore con il sudore.

 

Così, per facilitare al massimo la sudorazione, l’organismo sottrae sangue agli organi interni deviandolo a irrorare i capillari della pelle. Gli effetti sui vari apparati sono diversi, ma il meccanismo che li provoca è simile e ciò costituisce un vantaggio per quanto riguarda le misure di prevenzione.

 

 

Perdere anche molti liquidi vuol dire anche perdere molti sali minerali ed ecco che si possono insinuare Crampi spesso dovuti ad un eccessivo lavoro del nostro apparato respiratorio che con la canicola va letteralmente in “affanno!”

 

 Il rimedio? Bere molto, circa due litri d’acqua al giorno, evitando gli alcolici e non dimenticando di abbondare in cibi ricchi di liquido come verdure, ortaggi e frutta respirare in un ambiente fresco possibilmente in collina.

 

 Per bambini e anziani, inoltre, è opportuno adoperare vestiti leggeri e fare attenzione a non uscire nelle ore centrali del giorno dove oltre alla canicola si ha a che fare con grosse quantità di ozono che sono sicuramente deleterie per la salute. 

 

Attenzione anche a colpi di calore o collassi.

 

Il collasso è una specie di svenimento che si avverte spesso quando la dispersione del calore corporeo non è sufficente a causa spesso del caldo umido che non permette una corretta dispersione della temperatura corporea.

Spesso coloro che stanno per avere un collasso avvertono un senso di ansia stanchezza mal di testa mancanza di respiro.

Quando si ha un collasso la pelle si fa fredda pallida e sudata ed allora bisogna mettere al fresco e  sollevare le gambe del malcapitato facendogli affluire il sangue in modo corretto così da evitare lo svenimento.

Colpo di sole e Colpo di calore 

Quando il calore Estivo supera i 30°c ed i tassi di umidità superano il 60% può succedere che invece di un collasso si abbia un colpo di calore il quale si manifesta con tachicardia,convulsioni e anche con febbre alta.

Spesso questo tipo di problema si verifica anche in  coloro che stanno all’irraggiamento solare senza cappello di protezione ,questa patologia chiamata colpo di sole può provocare in loro molti diversi problemi i più comuni sono oltre ad un aumento vertiginoso della temperatura corporea,mal di testa ,perdita della coscienza,convulsioni e perfino morte.

I malati più a rischio sono certamente coloro che soffrono di patologie del polmone o del cuore.

In caso di colpo di sole o di calore ricoverare in un luogo fresco il malcapitato e fargli assumere liquidi freschi che lo aiutino a far diminuire il calore corporeo.

I malati polmonari devono fare molta attenzione in questo periodo alla loro respirazione cercando di stare attenti a respirare sempre con la bocca riuscendo così a limitare le perdite di CO2 che purtroppo si hanno quando si va in affanno.

La pollinosi poi ha in questo pertiodo ,in alcune zone, una recrudescenza con aumento dei problemi di allergie.

 

Il cibo

Un aspetto molto importante che riguarda il nostro stato di salute del periodo della “canicola estiva” è legato non solo come può essere facilmente intuito dal rapporto con i liquidi e quindi con il bere e quindi con l’acqua ma è estremamente importate anche stare attenti a ciò che si mangia.

Infatti in questo periodo spesso le nostre abitudini alimentari ci vengono in aiuto con la voglia di mangiare più verdure e meno cibi elaborati ma bisogna comunque stare molto attenti anche a cibi ,di recente “introduzione” in Italia che spesso piacciono ai più piccoli e che sono proposti per la loro facilità di consumo ed il basso prezzo hanno anche   la caratteristica di essere si molto appetiti ma anche di essere molto negativi per la nostra salute….

 

(sono in perfetto allineamento con il loro prezzo

PREZZO BASSO = BASSA QUALITA’)

 

Quindi ben venga in questo periodo di vacanze lo slow food ,il mettersi a tavola con amici senza furia  ma sempre con la dovuta attenzione  ….infatti come dicevano gli antichi romani “A tavola ci si guarisce o ci si uccide ! ”


 

E’ importante vivere le vacanze come momento di sano riposo e non di vorticoso susseguirsi di impegni feste e quantaltro ……….se le nostre vacanze non saranno relax ma ognibendiddio di casino ed impegni ecco che tutto questo si traduce in una sola parola STRESS ! la quale non ci preannuncia nulla di buono…lo sappiamo!

 

Al nostro ritorno dovremo poi fare i conti con tutti i nostri eventuali erriri ed allora evitiamo di sbagliare per poi dover correggere!

 

Viviamo le vacanze come la parola stessa insegna…….vacanze … momento di vacazio di mancanza,quindi di assenza dai soliti impegni, e non di supelavoro e superimpegni allora si dovrebbero chiamare impegnanze e non vacanze !

 

Vi pare ?

 

 

.

Argomenti