Questo sito contribuisce alla audience di

IL PIEDE DIABETICO .................

la storia di Luca

Luca ,  mezza età portata bene , Fiorentino DOC ma con mille acciacchi dovuti al suo sistenma di vita e al suo stress tra i quali anche un leggero ma noiosissimo serpeggiante diabete di tipo 2 che lui chiama “il mio peccato alimentare!”……………..

 

Circa un anno fa venne da me a  fare un corso per conoscere il  metodo Buteyko,ne aveva sentito parlare da amici era andato poi su internet e siccome li si parlava di iperventilazione come ragione scatenante di diverse patologie tra le quali anche le sue,si accorse e si convinse che anchegli faceva parte dei “Grandi Respiratori !” e che forse quel medico Russo poi non doveva avere torto nella sua teoria che raccontava di come iperventilare scatenasse così tante risposte patologiche da parte dell’organismo.

 

 

Tutto cominciò con  una telefonata ricca di domande e di spiegazioni sulle sue attuali condizioni di salute,sulle patologie che lo affliggevano ormai da anni poi la sua  decisione di fare il corso,di imparare questi per lui improbabili esercizi che avrebbero dovuto con il solo respiro rispondere a tante piccole e grandi problematiche che gli stessi medicinali facevano fatica a tenere a bada !. 

 

 

Alla fine del corso,Luca,come tutti ,aveva imparato tutte le tecniche del metodo………………….  gli esercizi di pronto soccorso,quelli di cura,quelli di mantenimento….. adesso sarebbe toccato solamente a lui ,al suo impegno,alla sua buona volontà dire la parola basta a tutti i suoi piccoli e grandi acciacchi.

 

 

Ma come spesso capita ,dopo un primo momento di impegno costante non appena si sta un po meglio ecco che si abbassa la guardia si salta qualche esercizio o addirittura si smette , pensando che tutto sia definitivamente risolto……. e ci si limita a seguire un minimo di attenzione sul non iperventilare… ma questo non basta , Buteyko lo spiega bene, fino a che la nostra pausa di controllo non raggiungerà certi traguardi non appena ripresenteremo al nostro organismo una respirazione sbagliata ecco che i sintomi si potrebbero ripresentare.

 

Così tutta la situazione di Luca va migliorando ma non definitivamente.

 

Luca si accorge però che quando fa con coerenza gli esercizi la sua situazione si modifica radicalmente ed il primo che glielo fa notare è proprio il suo Podologo dal quale ogni mese va per curare le sue piaghe che sul piede lo affliggono da diverso tempo.

 

 IL SUO PIEDE DIABETICO

 

Lo stesso podoilogo gli chiede:

 

 Cosa hai fatto ? …… , la tua ferita si sta cicatrizzando come non aveva fatto mai prima…e Luca spiega al suo Podologo che ha iniziato da un mese a fare tutti i giorni dei semplici  esercizi di respirazione che sono in grado di  far reagire positivamente tutte le cellule del suo organismo con un apporto maggiore di ossigeno grazie ai migliorati scambi che questi esercizi inducono .

 

PIU OSSIGENO ALLE CELLULE = PIU’ VITA   

 

PIU’ VITA  = PIU’ CICATRIZZAZIONE MENO CALLO

 

MENO CALLO =  MENO POSSIBILITA’ DI NUOVE PIAGHE

 

Sulle prime il podologo quasi non considera nemmeno ciò che Luca gli dice ma poi con il passare dei mesi davanti  all’evidenza della situazione del piede che cambia in positivo il podologo si interessa al metodo tanto che è proprio lui a spronare Luca ad essere più preciso nel fare gli esercizi !.

 

E pensae che il suo primo obbiettivo era tenere almeno sotto controllo quella noiosissima allergia che ogni anno a Primavera si presentava e lo costringeva a prendere vari medicinali che spesso non erano nemmeno in grado di sollevare i suoi disagi e mai avrebbe pensato che il cambiamento in positivo si sarebbe evidenziato anche  sul suo diabete e soprattutto su quel noiosissimo problema al piede.

 

Sta arrivando di nuovo la primavera e i problemi di Luca sono ormai quasi risolti Il diabete è sotto controllo,l’allergia è ormai un ricordo ,la sua stitichezza non esiste più,il suo piede sta bene e la rinite che spesso si accompagnava a piccole crisi respiratorie non si presenta più……………… 

 

Luca mi telefona e questa volta l’argomento della telefonata è solamente la gioia che ha preso il posto della sofferenza..una gioia legata ad un semplice gesto che non costa nulla  . . . .

 

RESPIRARE CORRETTAMENTE !!!! 

 

 

 

.