Questo sito contribuisce alla audience di

H 1 N 1 Il metodo Buteyko come aiuto nella prevenzione

Consigli e quant’altro per evitare il contagio.


H 1 N 1 . Il metodo Buteyko come aiuto nella prevenzione .

Consigli e quant’altro per evitare il contagio.

H1N1 la Pandemia … un nome e già una leggenda, proprio in momenti di crisi mondiali spesso appaiono, patologie “ mostruose “ con “ previste “ mortalità a cifre con dietro molti zero e questa H1N1 “ pare “ non voglia certo smentire nessuno.
Secondo l’organismo mondiale della sanità potrebbe avere tutte le carte in regola per essere cattiva quanto basta per scatenare i più nefasti scenari..

Ormai telegiornali e mass media ci hanno bombardato di notizie servizi speciali e quanto altro cavalcando la notizia “pandemia”, una notizia che facilmente fa colpo sulla gente.
Ci hanno edotto su cosa sia una pandemia cioè sulla trasformazione e trasmissione di un ceppo di virus influenzale dall’animale all’uomo e quindi su cosa si dovrebbe fare in caso di….. ci hanno avvisato, preoccupato, intimidito !
Ma siamo sicuri che dietro a questi tonanti proclami non ci sia dietro qualcosa di altro ?
In un momento di crisi mondiale così potrebbero essere tantissimi gli interessi sia commerciali e non che potrebbero giocare un ruolo fondamentale nella demonizzazione di questa pandemia.
Comunque dobbiamo renderci conto che le pandemie “girano” il mondo da quando l’uomo esiste sulla terra.
Basti pensare che si calcola che ci siano state almeno tre pandemie per secolo e siccome di secoli che l’uomo esiste sono veramente tantissimi ecco che il contatto del genere umano con le pandemie è un contatto che esiste da sempre.
Dobbiamo constatare che sono cambiate però molte cose nel giro di almeno un secolo.
Le aspettative di vita dell’ uomo si sono di molto allungate grazie a molti parametri tra i quali il più importante è l’allungamento delle aspettative di vita grazie ai progressi della medicina e la qualità della vita.
Oggi infatti, ancor di più di ieri, può capitare che qualcuno abbia già avuto a che fare
con ceppi di virus pandemici in tempi precedenti e quindi porti con se nelle sue difese immunitarie le difese necessarie per scongiurare l’ eventuale attacco del virus.
Questo virus è la “replica” dei virus pandemici degli anni 1957 (asiatica) e del 1988 (hong kong) quindi chi a causa del fatto che in quegli anni ha già avuto a che fare con questo ceppo di virus oggi non avrà problemi perché il suo organismo ha già prodotto gli anticorpi necessari alla sua difesa..
Un altro parametro cambiato negli ultimi decenni è quello dei contatti umani, degli spostamenti di persone anche tra continenti molto distanti in tempi velocissimi favorendo una possibile trasmissione veloce del virus.
Dobbiamo anche constatare che sono cambiate anche le conoscenze ,ormai alla portata di tutti, su cosa fare per limitare al massimo il contatto con i virus.

Anche il Metodo Buteyko può essere un valido aiuto contro il probabile contagio dalla pandemia in quanto grazie alle sue direttive di base insegna a seguire una tecnica respiratoria che grazie alle sue caratteristiche limita il contatto con i Virus e comunque potenzia al massimo la risposta immunitaria ripristinando al meglio le difese che naturalmente l’organismo ha nei confronti di agenti patogeni esterni.
Grazie al metodo infatti si potenziano tra l’altro la motilità delle cellule ciliate del tratto respiratorio deputate appunto a catturare ,trattenere e poi “smaltire” eventuali agenti esterni ,tra i quali anche i Virus, con i quali l’organismo può aver avuto contatto.
Questo meccanismo di protezione del nostro organismo è quello deputato in ogni momento a proteggerci dal contatto con il “mondo esterno” contatto che attraverso il respiro avviene 24 ore su 24.
Se queste cellule funzionano male,in modo lento o ridotto facilmente si possono scatenare molte patologie a causa della mancata protezione dagli agenti patogeni esterni.
Non solamente di natura virale ma anche per esempio di natura allergica.
Ecco comunque sintetizzati alcuni consigli pratici, per tutti, su cosa fare per limitare al massimo il contatto e quindi il possibile contagio con l’influenza .
Lavarsi le mani spesso o adoperare gel indicati per la sterilizzazione.
Ce ne sono in commercio anche molto pubblicizzati che sembra puliscano,profumino ma in realtà non sterilizzano, quindi accertarsi che il prodotto sia in grado di sterilizzare
veramente.
Non starnutire, tossire vicino a gli altri e coprirsi la bocca non con le mani ma con il braccio per evitare poi di toccare e quindi trasmettere sulle superfici esterne possibili virus che essendo stati catturati dal nostro organismo (dalle nostre cellule ciliate) vengono “buttati fuori” velocemente tramite lo starnuto o i colpi di tosse.
Respirare assolutamente solamente dal naso,mai dalla bocca !!
Soprattutto quando si parla, attenzione a non riprendere aria dalla bocca tra un discorso e l’altro,sospendere per un attimo il discorso in modo da rifornirsi d’aria e ricominciare a parlare !!
Purtroppo la nostra abitudine è spesso quella di avere “ fretta ” e di “mangiare”l’aria quando si parla,questa è una della più grandi e deleterie cause di molte patologie.
Seguire queste semplici direttive forse per qualcuno non sarà del tutto banale ma la chiave del nostro star bene inizia proprio dal nostro buon respiro.
Buteyko con le sue scoperte ci ha dato la chiave per risolvere molte problematiche che spesso non riteniamo legate al respiro e che invece prendono avvio proprio da li.
Per conoscere un po’ più da vicino di cosa si tratta potete andare sul sito della Buteyko Clinic Italia dove potrete approfondire le tematiche legate al metodo.