Questo sito contribuisce alla audience di

Insegnare ed imparare a respirare III

L’imprinting respiratorio ed i suoi effetti ( Terza parte) ESSERE AFFIATATI Esperienze di vita vissuta

descr imprinting

ESSERE AFFIATATI Esperienze di vita vissuta

Essere affiatati vuol dire “respirare nello stesso modo” ed in effetti è ciò che avviene quando due persone vivono a stretto contatto.
Si pensi a due persone che si amano oppure che vivono una intensa amicizia; un metro del come è il loro rapporto è proprio come essi interpretano il loro modo di stare insieme dal punto di vista respiratorio.
A dimostrazione di ciò riporto una esperienza che mi è capitata alcuni mesi fa,non unica nel suo genere ma a diversità di altre veramente esplicita.
Si iscrisse ad un mio corso Buteyko un giovane sposo sulla trentina che si lamentava di aver iniziato ad avere l’asma da dopo che aveva conosciuto quella che da poco era diventata la sua moglie, sua coetanea ed asmatica fin da piccola.
Prima di allora non aveva mai avuto nessun problema respiratorio ma da quando aveva iniziato a frequentarla soffriva di evidenti problemi respiratori culminati da poco in veri e propri attacchi d’asma.
Lui esordì dicendomi così:
E’ sicuro che l’asma non sia infettiva?
Sono sicuro che me l’ ha attaccata mia moglie !
Rideva sapendo benissimo che la domanda era una burla ma non sapeva darsi ragione del perché gli stava capitando tutto ciò.
Quando mi vide seriamente spiegare il perché della parola affiatamento e soprattutto la meccanica di quel “suo disgraziato”affiatamento in un attimo realizzò come essere in affiatamento volesse dire davvero respirare allo stesso modo.
Sappiamo dagli studi di Buteyko come il cattivo respiro sia matrice di negative alterazioni metaboliche respiratorie e di conseguenti risposte dell’organismo chiamate nel caso dell’asma broncospasmo, quindi è possibile che due persone che hanno un forte legame, che hanno un grande affiatamento appunto, possano trasmettersi moduli respiratori, in questo caso negativi, l’un l’altro.
Di solito, nella coppia, è chi prende il “sopravvento” gerarchicamente parlando, che impone la propria “cadenza respiratoria” e se questa persona è una persona che iperventila porterà verso l’ipervenilazione e quindi verso la malattia anche il compagno o la compagna.
Ecco che grazie a questo suo vissuto si capisce che non solo questa persona viveva uno stato di disagio fisico dovuto all’affiatamento ma anche uno stato di subalternità e dipendenza psicologica nei confronti della sua compagna.
E’ bastato ricondurre il suo respiro e la sua consapevolezza su giusti binari con esercizi mirati che la situazione si è presto ristabilita .
Al corso successivo c’era anche sua moglie convinta dagli evidenti miglioramenti del marito …… così che potesse continuare, ma questa volta positivamente il loro affiatamento.

Un’altra storia di vita vissuta che possa spiegare come sia importante l’imprinting respiratorio dato dall’affiatamento tra genitori e bambino è quella di Nicola (nome di fantasia) adottato in Italia in tenera età e proveniente da un paese dell’america latina.
Tutto cominciò alla fine di una conferenza di presentazione del metodo Buteyko a Milano.
Dopo le domande finali ed i consueti saluti mi si avvicinò una coppia di mezza età che dopo avermi ringraziato per la serata mi dissero:
“guardi noi verremo sicuramente quando lei farà il corso perché ne abbiamo bisogno, siamo una famiglia intera di asmatici .. io e mia moglie fin da piccoli ed adesso anche nostro figlio.
In realtà dobbiamo dire che siamo stati anche molto sfortunati perché nostro figlio lo abbiamo adottato e proviene dal xxx (omesso il paese di provenienza per garantire la privacy) è quasi l’unico se non l’unico del suo paese ad avere l’asma … e noi asmatici sembra che lo abbiamo scelto proprio come noi !
Io domandai a che età avessero avuto in adozione il bambino e loro mi dissero che erano insieme a lui da quando aveva sei mesi.
A questo punto spiegai a loro cosa fosse l’imprinting respiratorio e come il bambino avesse non solo imparato facilmente da loro a parlare la nostra lingua ma anche e soprattutto ”ahimè” a respirare male iperventilando come essi stessi si erano resi conto facevano durante le spiegazioni alla conferenza.
Capirono che il loro esempio era stato copiato dal bambino e che quel giorno in cui avevano sentito lui dire mamma per la prima volta non avevano ascoltato solamente la riproduzione di quella parola ma anche e soprattutto la ripetizione del modulo respiratorio di chi aveva insegnato la parola, la mamma asmatica appunto.
Quindi grazie anche ad una predisposizione genetica ecco spiegato uno dei perché spesso l’asma è detta : una malattia “di famiglia”.

Ultimo caso non meno significativo su l’affiatamento il caso di Filippo (nome di fantasia) 16 anni figlio unico asmatico da quando aveva due anni sempre in terapia e che da un anno non ha più attacchi neanche nel periodo primaverile, suo momento nero per le allergie, non ha che un leggero raffreddore passeggero che gli dura pochissimo.
Conobbi la storia di Filippo tramite suo padre che asmatico si era iscritto ad un corso Buteyko.
Raccontava che appunto da due anni inspiegabilmente suo figlio non aveva più sintomi asmatici e che l’allergia era quasi del tutto passata.
Io chiesi che cosa fosse avvenuto negli ultimi anni di particolare nella vita di Filippo e lui mi disse che l’unica cosa evidente che era avvenuta era che da quando andava alla scuola superiore aveva stretto una grande amicizia con Paolo (nome di fantasia) tanto che non facevano nulla se non erano insieme
Studiavano insieme giocavano insieme uscivano insieme tanto che il papà un po’ se ne lamentava.
Spiegai cosa era avvenuto alla luce della spiegazione della parola affiatamento di come nell’età adolescenziale sia facile sostituire i punti di riferimento familiari con punti di riferimento esterni come amicizie amori e di come questi influenzino nuovamente il respiro con nuovi modelli che se positivi possono indurre il soggetto anche alla remissione della sua patologia.
Questo è ciò che è successo a Filippo da dopo che ha conosciuto Paolo ed è entrato in affiatamento con lui diventandone il suo miglior amico.

Possiamo chiudere questo excursus su Affiatamento ed Imprinting dicendo che queste parole se conosciute nel loro significato profondo ci possono dischiudere un mondo di consapevolezza e conoscenza per molte cose delle quali a volte facciamo fatica a capirne la motivazione ma che sono alla base del corretto modo di vivere.

Completano l’articolo :

L’imprinting respiratorio ed i suoi effetti ( prima parte )
Con i bambini per crescere insieme.


L’imprinting respiratorio e i suoi effetti.( Seconda parte )
Insieme per crescere meglio………