Questo sito contribuisce alla audience di

Dagli anni 80, i Matt Bianco tornano al Blue Note dal 13 al 15 gennaio

Le sonorità pop anni '80, purtroppo ora prive della voce cristallina di Basia, la cantante polacca della formazione originaria, risouneranno al Blue Note. Ad accompagnare la voce del fondatore Mark Reilly e la tastiera di Mark Fisher, percussioni e fiati. Un acid jazz tutto da ascoltare.

I Matt Bianco sono stati una delle band pop più interessanti degli anni ‘80. Nati con l’intento di sperimentare la contaminazione dei generi latin, jazz e funky con la vena più pop del trio dei fondatori, hanno dato vita ad una serie di hit come “Get Out of Your Lazy Bed” e “Half a Minute” che li hanno resi celebri in Europa e nel mondo.
Sono da annoverare, insieme ad un gran numero di artisti e gruppi fortemente eterogenei. tra coloro che hanno proposto al grande pubblico uno stile pop-soul sofisticato e improntato ad un jazz di largo consumo. Benché il nome della band sembri suggerire un riferimento a qualcuno dei suoi membri e venga spesso identificato con il cantante Mark Reilly, l’unico membro rimasto sempre costante nel corso degli anni, si tratta in effetti un nome di fantasia, che richiama «una spia, un agente segreto: eravamo amanti del genere spy-storytelevisivo».
Al ritmo di un album ogni due anni circa, la band non cessa di spostarsi da un capo all’altro del globo, forte di un fedele seguito di affezionati.
Matt Bianco tornano al Blue Note per tre date imperdibili all’insegna dell’acid jazz.

Prezzo Advance: € 37,00
Prezzo Door: € 42,00

Concerti ore 21 e 23.30 (23 il giorno 13).