Questo sito contribuisce alla audience di

Marlboro Project Four (Capitolo 1) - M. Galimberti

Dal Cosworth al Porsche (1981-1987)

Marlboro Project Four è il nome della scuderia di Ron Dennis che ha disputato, sponsorizzata dalla famosa marca di tabacchi, il campionato di formula 2 nelle stagioni 1979 e 1980.
In quella stagione Dennis acquistò da Teddy Mayer la McLaren F.1 e dalla stagione successiva la sigla MP4 caratterizzerà tutti i modelli delle monoposto della scuderia, oltre ad una nuova disposizione dei colori biancorossi.
La vettura del 1981, denominata MP4, è spinta dal motore Ford Cosworth 8 cilindri ed ottiene una sola vittoria, in Gran Bretagna con John Watson.
Nel 1982 questa vettura otterrà quattro vittorie, due con Watson e due con il rientrante Lauda.
Il 1983 vede ancora schierata questa vettura, Watson vincerà a Long Beach l’unico GP della stagione ma gli sforzi del team sono tutti concentrati sullo sviluppo della vettura che sarà spinta dal motore turbo Porsche.


McLaren MP4 - G.P. Brasile 1983

McLaren MP4/C - G.P. Brasile 1983

Nel 1984 la MP4/2 dominerà la stagione vincendo con la coppia Lauda-Prost dodici gare sulle sedici disputate e permetterà al fuoriclasse austriaco di conquistare il suo terzo titolo iridato.
Questa vettura nelle due stagioni successive permetterà ad Alain Prost di conquistare i suoi primi due titoli iridati.


McLaren MP4/2 - G.P. Brasile 1984

McLaren MP4/2 - G.P. Brasile 1984


McLaren MP4/2B - G.P. Brasile 1985

McLaren MP4/2B - G.P. Brasile 1985

Nel GP del Portogallo 1986 il team schiera la vettura del suo secondo pilota Keke Rosberg con una inusuale livrea dove il colore giallo-oro sostituisce il classico rosso.


McLaren MP/4 2C - Portogallo 1986

McLaren MP4/2C - Portogallo 1986

Il 1987 vedrà l’apparizione della MP4/3, ma Prost nonostante tre vittorie non riuscirà ad inserirsi nella lotta al titolo iridato.


McLaren MP4/3 - Belgio 1987

McLaren MP4/3 - Belgio 1987

KITS: la McLaren MP4/C (1983) è della FDS mentre i restanti kit sono della Meri Kits.

 

Mario Galimberti
Mediolanum Modelling Club

    

Click here to go!