Questo sito contribuisce alla audience di

Cav. Fiorentino, fam. Alighieri, 1260 - Ugo Giberti

La Battaglia di Montaperti continua ...

Il Figurino
Il bellissimo pezzo della Pegaso, codice 54-076, montato da scatola, è il secondo che ho realizzato attinente il periodo storico in questione.
Sempre con il prezioso testo “Montaperti” di Mario Venturi, ho ricavato le informazioni necessarie per realizzare il cavaliere della famiglia Alighieri, Sestiere di Porta San Piero, come illustrato nella tavola di pag. 117, una delle tante in cui vengono mostrate le araldiche dei combattenti di entrambi gli schieramenti.


Cavaliere Fiorentino

Colorazione
Ho dipinto il pezzo esclusivamente con colori acrilici, sia per le parti metalliche sia per le sopravesti.
Dopo aver dato un fondo nero semilucido alle parti metalliche, ho eseguito diversi passaggi di leggero dry-brush di gun metal, poi miscelato con natural steel, fino a dare il tocco finale di natural steel + silver sempre Vallejo con un pennellino molto fine.
Ho ripassato le ombre con chine Citadel, Nero e Brown, poco coprenti perciò ben dosabili per evitare l’effetto disegnato. Sulle parti più in luce piccoli tocchi di smalto argento Model Master e al termine, passaggio di trasparente brillante di Vallejo molto diluito.
All’elmo in particolare ho voluto dare l’effetto del metallo brunito, invecchiato, usurato.
La croce ottonata e stata invecchiata con china Brown Citadel e lumeggiata con natural steel + silver; silver puro MM sui rivetti.
Ho scelto una livrea che facesse contrasto con quella del precedente cavaliere e che mi permettesse sempre di utilizzare colori appariscenti; per entrambi sono partito da tinte abbastanza scure: Rosso base 12 + flat red + rosso scarlatto per il rosso, le ombreggiature sono fatte con rosso base + un tocco di verde mate sempre vallejo; Prussian Blue + Marine Drak Blue Citadel per il fondo blu, poi schiarito con lumeggiature ottenute aggiungendo in quantità crescente Azul Pastel + white e un tocco di Azul gris.
Siccome non volevo arrivare a riprodurre tinte troppo chiare, ho prestato attenzione a dipingere luci abbastanza “intense” affinché la tinta non mi scappasse rispettivamente verso il vermiglione e l’azzurro cielo.
Le parti in cuoio, spallacci, cinture, fodero, gambali, sono ottenute miscelando in modo diverso Maron Cuero, Cuero Rojo, Maron Caosa, maron Naranja e Ocre Maron, per ottenere tinte simili e differenziate in base alle percentuali utilizzate, poi rifinite con trasparente satinato Vallejo.
Sul Petto il nostro cavaliere presenta una croce rossa, tipica guelfa, appuntata spesso sulle vesti di milizia e cavalieri, quale segno di riconoscimento nel furore della battaglia. (Pag. 110 del citato libro di Venturi).
La sottoveste e ottenuta con Azul Palido 906, schiarito con bianco e scurito verde turchese Citadel.
Lo scudo presenta le stesse tinte della sopraveste, rese però più consunte attraverso un lavoro di invecchiamento e lumeggiatura intensa, che prevede l’utilizzo del rosa antico e del carne per il rosso, il grigio azzurro e il bianco avorio per il blu.
La fascia bianca è ottenuta con grigio chiaro, lumeggiato di bianco avorio e ombreggiato con grigio medio + earth, utilizzati quasi come acqua appena tinta.
La basetta è costituita in parte con quella fornita da Pegaso, arricchita di detriti e pietrisco ottenuti con la lettiera del mio gatto Tobia, poi aggiungendo alcuni rametti sintetici: il tutto ha poi ricevuto diversi passaggi per schiarire con tonalità sabbia, buff e verde chiaro.
Ai piedi del cavaliere Alighieri (chissà se era parente del più famoso Dante) lo scudo malmesso di un cavaliere ghibellino caduto.
Targhetta della basetta fatta con il computer poi ricoperta con adesivo Clear della Scotch.


Cavaliere Fiorentino

Il figurino ha ricevuto alcuni riconoscimenti, in compagnia del precedente soggetto già presentato, tra i quali un bronzo Cat. Standard Pittura al Mondiale di Roma 2002.

Ringrazio per le ottime foto l’amico modellista Francesco Benedettini che, come me, è socio attivissimo del club modenese “Drive e Fly”.

Ugo Giberti
[Gallery]
www.ugogiberti.it

    

Click here to go!