Questo sito contribuisce alla audience di

La Carrera Panamericana - Mario Galimberti

Le vetture vincitrici ...

Alla fine degli anni ’40, sull’onda del grande successo della 1000 Miglia, si pensò di organizzare una gara analoga nel continente americano.
Nel 1950 venne quindi organizzata una gara di oltre 2000 Miglia con partenza in Messico ed arrivo nella terra del fuoco, in Argentina dopo aver interamente attraversato tutto il Sudamerica.
Di questa gara, denominata Carrera Panamericana, vennero disputate solo cinque edizioni; e queste sono le cinque vetture vincitrici, tutte rigorosamente in scala 1/43.
La prima edizione si disputò nel 1950 e si impose l’equipaggio americano McGriff-Elliot al volante di una Oldsmobile Coupè Type 88.
La particolarità di questa vettura è lo sponsor, in quanto sul cofano della vettura appare la scritta “City of roses” mentre sulla fiancata appaiono due rose.
In realtà il logo è quello di una famosissimo liquore prodotto in America che ha come simbolo alcune rose.
Questo kit è dell’Equipe Tron.


Oldsmobile Coupè 88_PanAm


Oldsmobile Coupè 88_PanAm

La seconda edizione ha visto la vittoria della Ferrari 212 Inter guidata da Piero Taruffi e Luigi Chinetti.
Questo modello, nell’accattivante livrea bordeaux con tettuccio argento è stato realizzato dalla BBR.


Ferrari 212 Inter_PanAm


Ferrari 212 Inter_PanAm

Nel 1952 la Mercedes presentò al via due sue 300 SL ad ala di gabbiano e ad imporsi fu proprio uno di questi due esemplari, quello affidato a Kling-Klenk.
Il kit è della Starter.


Mercedes 300 SL_PanAm


Mercedes 300 SL_PanAm

La quarta edizione, disputata nel 1953 vide nuovamente una vittoria di una vettura italiana, la Lancia D 24 guidata dal più grande pilota dell’epoca, Juan Manuel Fangio.


Lancia D24_PanAm


Lancia D24_PanAm

Nel 1954 si è disputata la quinta ed ultima edizione ed è stato un trionfo tutto italiano poiché Umberto Maglioli si è imposto al volante della Ferrari 375 MM+.
Anche questo kit è della Starter.


Ferrari 375 MM Plus_PanAm


Ferrari 375 MM Plus_PanAm

 

Mario Galimberti
Mediolanum Modelling Club

    

Click here to go!