Questo sito contribuisce alla audience di

La Bismarck: costruzione

Le dimensioni del progetto finale furono 241,6 m di lunghezza al galleggiamento e 36 m di larghezza. Gli ormeggi erano rinforzati con delle piastre saldate in alcuni punti della chiglia centrale a[...]

Le dimensioni del progetto finale furono 241,6 m di lunghezza al galleggiamento e 36 m di larghezza.
Gli ormeggi erano rinforzati con delle piastre saldate in alcuni punti della chiglia centrale a intervalli di 500 mm.
Il doppio fondo correva per l’ 80% della lunghezza della nave con una profondità di 1.700 mm (1.200 mm a prua) ed era completamente saldato a tenuta stagna per permettere lo stivaggio di liquidi.

Bismarck
- L’impostazione 1 luglio 1936 -

La nave aveva una struttura longitudinale con nove ordinate su ogni lato della chiglia.
La resistenza di questo scafo era calcolata su una lunghezza d’onda L/20. La paratia anti-siluri, era rivettata a tenuta di fluidi.
Le paratie interne all’intercapedine esterna, erano a tenuta di fluido e quelle superiori a tenuta stagna, mentre tutte le paratie dell’intercapedine interna erano a tenuta di fluido.
Le paratie trasversali principali, tranne quelle di sostegno delle torri, erano attraversate dalle paratie longitudinali laterali e centrali.

Bismarck
- Il varo -

In verticale andavano dalla corazza del fondo al ponte corazzato, e in orizzontale dalla paratia anti-siluri alle paratie longitudinali o alla corazza esterna.
A poppa le paratie longitudinali erano inserite sotto il ponte corazzato e correvano dalle piastre di rivestimento o dall’asse dell’elica centrale al ponte corazzato.
Le sale macchine n° 2 e n° 3 erano separate da una paratia lungo l’asse di simmetria che dal doppio fondo interno saliva fino al ponte corazzato.
Un suo prolungamento saliva dal doppio fondo interno alla corazza del primo ponte.
A prua, sopra le piastre della chiglia verticale un’altra paratia longitudinale saliva fino al primo al ponte di coperta, ed era rinforzata per l’ormeggio.
Il peso delle torri era sostenuto dalle apposite paratie trasversali che andavano dal rivestimento al ponte corazzato.

Bismarck
- Bismarck nel porto di Rheinubung -

Sopra il ponte corazzato, la paratia parasiluri saliva come paratia paraschegge laterale fino al primo ponte per emergere nei punti necessari intorno alle barbette da 15 cm. Fra le barbette B e C a 4.880 mm circa dall’asse di simmetria, c’era un altro paio di paratie longitudinali laterali che andavano sempre dal ponte corazzato al primo ponte.
Sopra il ponte corazzato c’erano 34 paratie trasversali di altezza variabile a seconda della posizione occupata sulla lunghezza della nave.
In caso di falla la tenuta stagna era garantita dalla suddivisione dello scafo in 22 compartimenti stagni separati; I’VII e il XIII di questi compartimenti erano occupati dall’apparato motore.
Il ponte superiore era rivestito con assi di tek spesse 75 mm da poppa a costa 233.

Fotografie dal sito internet www.mikekemble.com/ww2/bismarck.html





<-- Storia del progetto Corazzatura –>