Questo sito contribuisce alla audience di

"Ein Fuchs...heiß"! - Andrea Negri

Una volpe surriscaldata!

Nella mini-scenetta che presento, ho deciso di utilizzare il militare dell’Africa Korps, il Feldmaresciallo Erwin Rommel, proveniente da una vecchia scatola di soldatini dell’Afrika Korps della Airfix ed una Kubelwagen della Accademy.
La scenetta rappresenta un’improvviso stop che il Feldmaresciallo ha dovuto affrontare causa un “surriscaldamento” del motore della sua Kubelwagen.

Ein Fuchs...heiß! © Andrea Negri - Click to enlarge

La vettura della ditta Coreana mi è ben realizzata nelle stampate del kit in 1:72 per cui, confrontandola con alcune foto, ho apportato pochissime migliorie, una tanica al posto del classico piccone ed un arma sul sedile posteriore, oltre ad aver tagliato la portiera anteriore destra per poterla presentare aperta in quanto l’arresto della vettura e’ avvenuto in prossimità dell’insegna e non e’ stato possibile per Rommel scendere da quella parte!!

Ein Fuchs...heiß! © Andrea Negri - Click to enlarge

Per la colorazione ho pensato che siccome a voltei mezzi venivano mimetizzati sul campo, attraverso la sporcatura del colore di base, il grigio panzer, con miscele ottenute attraverso l’impasto e l’applicazione diretta della sabbia sui mezzi stessi.
Per simulare questa condizione, ho steso una base di German Grey Tamya ad aerografo su tutta la Kubelwagen e, dopo aver effettuato un lavaggio ad olio con terra d’ombra ed un passaggio con colore schiarito, bianco piu’ German Grey Tamya, ho effettuato un leggero Dry brush con smalto Maimeri color Sabbia, poi ho “impolverato” tutto il mezzo con terra per artisti di colore giallo sabbia, aiutandomi in questa operazione con un pennellino e sfregando con il polpasterello sulla vettura la polvere.
Il risultato è questo velo polveroso di giallo che lascia trasparire il colore originale del mezzo.

Ein Fuchs...heiß! © Andrea Negri - Click to enlarge

Il Feldmaresciallo e’ stato dipinto con smalti Maimeri ed Humbrol color Kaki, sabbia, giallo deserto.

Andrea Negri
[Gallery]

    

Click here to go!