Questo sito contribuisce alla audience di

Ospitaliere, Ordine di S. Giovanni - Giovanni Bernardini

Conversione del "Cavaliere Templare in Terra Santa, XIII secolo" Art. 90-908 Pegaso Models

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

Descrizione:
Scultura particolarmente complessa nell’assemblaggio in special modo per il cavaliere, visto che ho dovuto pazientemente impiegare diverse ore in più per spinare bene la maggior parte dei pezzi, ma ne è valsa la pena.
La figura mi ha molto affascinato per la postura e la dinamicità oltre che per la perfezione dell’insieme, e questo grazie al bravissimo Artista Gianni La Rocca ed all’ottima fusione dei pezzi prodotti dalla Pegaso Models.
Ecco come si presenta la scatola appena aperta :

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

Dopo aver accuratamente pulito ed eliminato le sbavature della colata dai pezzi, ho iniziato il montaggio del cavallo usando la colla bicomponente Twin Molak, e l’ ho verniciato con il primer spray.

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

Il giorno successivo, prima di procedere avanti con il lavoro, ho appoggiato il cavaliere sul cavallo e l’ho osservato a lungo

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

questo lo faccio con tutti i miei lavori per riflettere e non essere tentato ad un assemblaggio veloce che spesso causa degli errori irrimediabili.
Dopo aver dipinto tutta la parte inferiore del cavallo, ed averlo fissato sulla basetta in dotazione, ho incollato su di esso i quattro pezzi che, nell’insieme, formano la gualdrappa, coprendo le giunture con stucco bicomponente Milliput.
Quando lo stucco si è perfettamente indurito l’ho affinato con spazzolino metallico montato sul Dremel e con carta abrasiva fine.
Dopo aver primerizzato anche la gualdrappa, ho prima disegnato le croci ad otto punte (Croce di Amalfi, divenuta in seguito Croce di Malta) poi ho iniziato con la pittura.

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

L’assemblaggio del cavaliere è risultato più complesso rispetto ad altri lavori che ho fatto in passato, infatti le braccia avevano pochissima superfice per l’incollaggio, dato che parte della spalla era inglobata nella mantella.
Quindi per poter unire saldamente le braccia al corpo, ho dovuto studiare bene l’inclinazione dei fori per l’alloggiamento delle spine di acciaio, cercando di non danneggiare la figura.
A fine lavoro per assemblare saldamente il tutto ho dovuto inserire ben dodici spine (chiodi) d’acciaio, di cui sette sono servite per unire braccia, spalla-mantella, scudo e mano con spada.

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

La decisione di dipingere il cavaliere con i colori degli Ospitalieri, è stata una scelta personale, avendo già in possesso diversi cavalieri Templari.
La basetta in dotazione è stata poi inserita in una base in legno ed uniformata con stucco di vetroresina, dipinta poi con vari toni di colre marrone chiaro, sabbia e ocra e con aggiunta di alcuni sassolini di ghiaia. La targhetta è stata autocostruita con l’aiuto del PC.
Questo è il risultato finale:

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

Ospitaliere © Giovanni Bernardini - Click to enlarge

Con questo Cavaliere, ho già partecipato a due mostre: A quel di San Savino 2005, (Dove ho potuto ammirare, l’Originale, il Templare dipinto dal bravissimo Danilo Cartacci ) e a Rieti ( III classificato ).

Arrivederci alla prossima realizzazione
Buon modellismo a tutti.

Giovanni Bernardini
Club M.A.S.C.

    

Click it to go!