Questo sito contribuisce alla audience di

A6M5 Zero - Giuseppe Penna

Questa volta fotografiamo il Japan Fighter ZERO A6M5 (Kit Tamiya in scala 1/32)

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

L’A6M5 Zero, come modellista l’ho da sempre ammirato, ma devo dire che avevo qualche riserva, mi riferisco al suo , piuttosto monotono; – quanti modelli, assai ben costruiti, mancavano di quel “qualcosa” che li rendesse vivi;- forse, dipendeva, per me, da quel VERDE così scrostato, così anonimo, che i modellisti usano per far apparire come in realtà erano gli aerei giapponesi nell’ultima guerra… Vabbè.

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

Poi, un giorno, qualche tempo fa, la Casa Editrice Inglese, OSPREY, fece uscire dalla stampa un libro interessantissimo dal titolo: di BRIAN CRINER – dove l’autore accompagna con foto e consigli costruttivi, il modellista che vuole cimentarsi nella costruzione dello ZERO – step by step – in tutte le scale e marche esistenti sul mercato – compreso il top della TAMIYA item 60309 in scala 1/32 – Ma l’aspetto più evidente inizia dalla copertina del libro dove è presentato il primo ZERO (Tamiya) (da me visto) completamente in ALLUMINIO ! Frutto della cattura di un esemplare uscito da una precaria catena di montaggio giapponese sul finire dell’ultima Guerra del Pacifico, nel ormai lontano 1945. Questi aerei, una volta recuperati, venivano acquisiti dalle forze USAF sui vari campi Giapponesi , e inglobati nella sigla un po’ anonima : T.A.I.C.*

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

Devo anche dire che l’autore del libro, Brian Criner si rivela un ottimo modellista, tra l’altro, lui ha usato la tecnica dello “scalloping effect” – quelli più bravi di me sanno di cosa si tratta; incidere con uno scalpellino laddove ci sono le rivettature un lavoro da certosini sicuramente. Ma con risultati eccellenti. Va da se’che il sottoscritto nemmeno ci ha provato!.

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

Decisi quindi di costruirlo, tale e quale, anzi copiarlo. Di questo non me ne vergogno affatto, a mio modo di vedere ho voluto rendere omaggio ad un modellista con i fiocchi. Dimenticavo, il modello oltre che nel suo aspetto ALLUMINIO VIVO, si presenta con le insegne, metà dell’USAF (incorporati come T.A.I.C. ) e metà Giapponesi.quindi, a mio dire, molto coreografico nel suo aspetto generale. Non mi dilungherò nella costruzione, ma per quanto concerne le vernici ho usato le solite, puzzolenti, ALCLAD però con risultati ottimi.

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

- Unica variante, la fotografia; come sono solito fare, cercherò di fotografare il modello nel suo aspetto reale, o almeno come sempre vedo di farlo apparire tale.

Un cordiale saluto a tutti.

Giuseppe Penna Giuseppe Pino Penna

 

* T.A.I.C.. – Grazie alla fattiva collaborazione del Dr. Nando Ziveri, al quale va il merito della ricerca,si è infine appurato che questa sigla un po’ anonima: T.A.I.C. è l’acronimo di: Technical Air Intellingence Center. – altra sigla usata era: A.T.A.I.U. S.E.A.. : Allied Technical Air Intelligence Unit in South East Asia.- Queste sigle venivano stampigliate sulle derive degli aerei giapponesi catturati in buone condizioni di volo.

ZERO A6M5 © Giuseppe Penna - Click to enlarge

    

Click here to go!

    

A6M5 Zero

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Silvio Pietropaolo

    20 Dec 2008 - 09:27 - #1
    0 punti
    Up Down

    Assolutamente spettacolare e fortemente realistico come soltanto Pino Penna ci ha abituato. come sempre ad un ottimo modello ha accompagnato delle bellissime foto fatte con maestria. il tutto sembra assolutamente vero. assai interessante il soggetto dello Zero con le coccarde a stelle e strisce. Cordiali saluti Silvio. complimenti.

Argomenti