Questo sito contribuisce alla audience di

Cavaliere Giovannita - "BrUgo"

Variazioni sul tema a cura di Bruno Carruolo & Ugo Giberti (3/5) - foto figurino finito GianLuca Cocchi - Atelier Master Miniatures

Cavaliere Giovannita

Costruzione del figurinoBruno Carruolo

Quando l’amico Ugo mi propose il progetto di trasformazione di questo figurino Pegaso, in varie pose e situazioni, mi interessò subito e sinceramente non pensavo che questa “cosa” mi avrebbe preso in modo particolare. Infatti, man mano che andavo avanti, i personaggi che studiavamo e progettavamo sullo stesso figurino, erano sempre più interessanti ed intriganti, da questo, il titolo di tutta l’operazione che abbiamo presentato a St Vincent con il display “Variazioni sul tema…

Inizio a descrivere l’ultima realizzazione, la modifica avvenuta sul pezzo Pegaso 54-193, per creare il cavaliere Giovannita, che forse è la più semplice, ma anche la più riuscita, sia come ideazione del figurino, che come ambientazione.

La scena è impostata in modo evocativo: il figurino, posto sotto un arco di pietra diroccato, in cima ad una scalinata a difesa dell’ingresso al maniero, sembra dire “…sono qua, chi altro vuol farsi avanti”, ha un fare minaccioso, con la spada tra le mani, la bandiera e la testa di un nemico ai suoi piedi, segno di supremazia, che, come sappiamo sarà solo momentanea, visto che la fortezza degli ospitalieri cadrà dopo il lungo assedio.


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge

Ma veniamo alla realizzazione della modifica; ho provveduto innanzi tutto a fresare via le brache in panno trapuntato, in modo da poter creare la cotta di maglia.
Dopo aver steso uno strato di stucco Duro, di circa 1 mm, con un pennello di gomma e lisciato con alcool, ho inciso gli anelli della cotta, con un ago ipodermico modificato. E’ stato un lavoro lunghissimo, ma il risultato val bene l’impresa.
Dopo una lunga chiacchierata con Ugo, abbiamo definito come realizzare tecnicamente le mani e la spada in modo che risultassero comode da dipingere e semplici da montare a pittura avvenuta.


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge

Abbiamo optato per scolpire le mani integralmente alla spada per poi inpernarle entrambe alle braccia.
Il braccio sinistro è stato ricostruito quasi completamente, unico pezzo recuperato, un trattino di avambraccio.
Tutte le modifiche effettuate sono state fatte con lo stucco A+B, mentre la cotta di maglia è realizzata con il Duro.


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge

Devo dire che questo magnifico pezzo della Pegaso si presta ad infinite modifiche, cosa che con il mio amico Ugo, stiamo studiando e realizzando.

Pittura del FigurinoUgo Giberti
Legenda : V Vallejo Color – An Andrea Color – C Citadel

L’amico Bruno ha realizzato un pezzo di grande impatto, un cavaliere tosto, un pezzo che sprizza grinta da tutte le parti. Ho cercato di dipingere il pezzo affinchè risaltasse la tunica rossa dell’ ordine, senza eccedere nella luminosità, ma anche senza smorzare troppo la tinta, che ho tenuto carica schiarendola solo con dei rossi.


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge

Il rosso l’ho ottenuto con base Rosso Carminio V e verde Napoleonico An, pian piano schiarito con Carminio, poi aumentando le luci con vermiglione V e infine con rosso scarlatto sempre Vallejo.
Le ultime luci con rojo amaranto 70829 Vallejo e un tocco di carne dorada V.
Le Ombre, sono state realizzate riprendendo dove necessario con la mescola di base diluita, poi lavaggi leggeri di nero e di marron cioccolata vallejo per uniformare e ammorbidire i contrasti .
Volevo un rosso intenso e un po’ vivace contrastante con quello dello scudo, più freddo, usurato,ottenuto con rojo scuro, rosso basico An pian piano schiarito con carminio e carne dorata , senza utilizzare in questo caso, rossi tendenti all’ arancione e solo nelle ultime luci un tocco di carne clara V.
Ho ombreggiato come sopra, ma con il nero usato più pesantemente anche per fare piccole macchie.
Poi terre mig chiare (gulf war sand e light dust) per l’effetto polvere diffuso anche sulla cotta di maglia negli arti inferiori.
La cotta di maglia è stata realizzata con nero lucido V pian piano schiarito con natural steel V, poi alcuni lavaggi di Smoke tamiya e Brown Ink Citadel .
L’elmo prima è stato lucidato con l’ausilio del minitrapano, poi lavaggio di nero + terra di Cassel ad olio; in seguito ho eliminato con un pennello piatto l’eccedenza di colore e ad asciugatura completata ho dato due mani leggere di smoke, togliendo l’aspetto un po’ caramelloso con un lavaggio di ink nero Citadel.
Quindi con una pittura selettiva ho aumentato usura, ombre e luci con nero , brown ink C e natural steel, divertendomi a pasticciare con questi tre colori un po’ a caso.
Massime luci con silver An, mentre la croce sull’elmo di metallo giallo, è stata ottenuta partendo da marrone chioccolata e nero V a cui ho pian piano aggiunto Bronzo An, poi lavaggio leggero con giallo clear e arancio clear Tamiya.


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge

Non mi dilungo sulla pittura dell’ ambientazione e degli accessori , spendo due parole per la bandiera in lamina di piombo che ho realizzato prendendo spunto da scritte copiate da pubblicazioni come i fascicoli Osprey , “rielaborate” in modo personale, diciamo traduzioni indebite…. E altre due le spendo per l’incarnato della testa mozzata, ottenuto con brown earth + ocra marrone e carne dorata V.


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge

Quest’ ultimo figurino è la terza realizzazione, ma non l’ultima, della serie “variazioni sul tema…” a firma del tandem BRUGO… alla prossima !


Cavaliere Giovannita © Carruolo/Giberti - Click to enlarge

  

Ugo Giberti
[Gallery]
www.ugogiberti.it
Bruno Carruolo
[Gallery]
www.brunocarruolo.com