Questo sito contribuisce alla audience di

Aquilifero della LEGIO XIV, 31 AC - Marco Berettoni

Kit Soldiers, 54mm

Aquilifero della LEGIO XIV

Le legioni romane avevano diversi simboli, ma il più importante era certamente l’aquila, introdotta da Mario e che rappresentava l’intera legione.
All’epoca di Cesare era d’oro e d’argento, ma durante l’impero divenne tutta d’oro.
L’aquila non lasciava mai il campo a meno che non fosse l’intera legione a muoversi.
Era affidata ad un aquilifero, appartenente alla prima coorte che aveva il compito di sorvegliarla sotto la diretta responsabilità del primus pilus.


Aquilifero © Marco Berettoni - Click to enlarge

Nelle battaglie l’aquila era il punto di riferimento per i legionari e la sua perdita era una sciagura e poteva significare lo sbandamento dell’intera legione.
L’aquilifero, oltre al normale equipaggiamento si distingueva per una pelliccia che poteva essere di orso, lupo o leone e per il piccolo scudo rotondo.


Aquilifero © Marco Berettoni - Click to enlarge

Questo aquilifero è stato riprodotto come appartenente alla LEGIO XIV, sciolta con tutti gli onori nel 46 AC come molte delle legioni veterane di Cesare e ricostituita poi da Ottaviano (questo il motivo del capricorno come simbolo sullo scudo, e non il toro come tutte le legioni cesariane.
Inoltre il capricorno è anche il mio segno zodiacale e me lo sono voluto dedicare).


Aquilifero © Marco Berettoni - Click to enlarge

Il figurino è della ditta Soldiers, il secondo della oramai lunga serie di bellissimi romani scolpiti da Adriano Laruccia ed anche se vecchio resta uno dei miei preferiti.
Tra l’altro nella nuova versione della box art appare anche lui con il capricorno sullo scudo.


Aquilifero © Marco Berettoni - Click to enlarge

Per quanto riguarda la pittura ho lucidato le parti metalliche, ricoprendo poi quelle relative ai metalli gialli con il consueto trasparente Tamiya.
Ho poi effettuato lavaggi ad olio nero e terra rispettivamente per metalli bianchi e gialli.
Per la tunica ho cercato di riprodurre un colore smorto, anche se a conti fatti si discosta troppo poco dall’incarnato, realizzato comunque interamente ad acrilico.
L’aquila è dorata, essendo appunto all’inizio del periodo imperiale.


Aquilifero © Marco Berettoni - Click to enlarge

Buon modellismo

Marco Berettoni
[Gallery]
Figurini.it

    

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Ugo Giberti

    26 Sep 2009 - 12:50 - #1
    0 punti
    Up Down

    e bravo Marchino…quando me lo regali?
    ciao e complimenti per la bella realizzazione, ci hai abituati bene.
    Ugo… ma quando me lo regali???

  • Profilo di smith ironeer

    smith ironeer

    27 Dec 2010 - 12:45 - #2
    0 punti
    Up Down

    Ciao e complimenti per il tuo Lavoro.
    Posso chiederti un consiglio ??
    Fino ad oggi ho fatto solamente diorami con aerei 1:72, puoi vedere la mia Gallery Montagnani Cristiano, ma volevo tentare con i soldatini; sto provando a fare Achille, ma ho molte difficoltà con le parti di incarnato, mi puoi essere di aiuto o magari consigliare siti o riviste dove spiegano le tecniche !!
    Grazie mille e di nuovo complimenti
    Ciao
    Cristiano

  • Giaba

    27 Dec 2010 - 21:50 - #3
    0 punti
    Up Down

    Ciao Cristiano,
    per iniziare ti consiglio un vecchio articolo che ho scritto insieme all’amico Andrea sulle mescole per gli incarnati.
    Attendiamo poi una replica di Marco….

    Giacomo

  • Samwise

    02 Jan 2011 - 22:26 - #4
    0 punti
    Up Down

    Ciao Cristiano, ti ho inviato del materiale
    Fammi sapere se basta altrimenti ne ho dell’altro. Anche in molti articoli pubblicati da Giaba si parlava spesso di incarnato, soprattutto nei primi.
    Un saluto a tutti

    Marco