Questo sito contribuisce alla audience di

Focke-Wulf Ta 154 - Marco Vergani

Kit Dragon, scala 1/48

Focke-Wulf Ta 154

Un po’ di storia
Il Focke-Wulf Ta 154 (chiamato anche Moskito) fu un velivolo della seconda guerra mondiale costruito dalla Focke-Wulf e rappresentò la risposta tedesca al più famoso De Havilland Mosquito britannico.
La possibilità di usare materiali non strategici per realizzare velivoli da combattimento, non è venuta in mente solo ai progettisti della De Havilland, ma anche a Kurt Tank che nel 1942 estrasse dai suoi uffici il progetto Ta 211 per un velivolo da caccia notturna e ognitempo. Egli proponendo l’impiego del legno per la realizzazione della maggior parte della struttura dell’aereo, fu duramente criticato da alcuni membri del RLM, ma la comparsa del Mosquito inglese, corse in aiuto al famoso ingegnere.
Il velivolo fu contrassegnato dalla sigla Ta 154 ed aveva fusoliera con sezione ovale, ala alta, i componenti dell’equipaggio sistemati in tandem e due motori Jumo 211 N da 1520 CV.
L’armamento doveva comprendere due cannoni MG 151 da 20 mm. e due cannoni MK 108 da 30 mm. annegati in fusoliera.
Il primo velivolo V1 (WNr 0001 TE+FE) spiccò il volo da Hannover-Langenagen il 1 Luglio 1943 e non aveva armamento ne radar. Dalle foto sembra che la colorazione comprendesse uno splinter superiore di 74/75 e di 76 per le superfici inferiori.
La linea di separazione era alta a livello del bordo d’uscita alare e non c’erano codici in fusoliera.
Il secondo prototipo V2 (WNr. 0002 TE+FF) completato subito dopo il precedente, aveva il radar FuG 212 Lichtenstein C-1 con le quattro antenne polari sul muso. Nel novembre del ‘43 il prototipo V3 (WNr 0003 TE+FG) iniziò i test. Fu poi risiglato Ta 154 A-03/U1 e fu considerato di pre-produzione. Questo velivolo era motorizzato con due Jumo 213 E ed era provvisto di tutto, armamento e radar compresi.
Furono poi completati i preserie V4 (WNr.0004 TE+FH), V5 (WNr.0005 TE+FI) e V7 (WNr.0007 TE+FK).
Al Ta 154 A-1 fu dato avvio produttivo a Poznan (Polonia), ma i primi due esemplari furono completati ad Erfurt, ed il secondo (WNr. 320002 KU+SO) precipitò a seguito della disintegrazione delle ali durante il volo. Si scoprì poi che la colla di assemblaggio non era stata fornita dalla Goldmann Tego-Film poiché era stata bombardata dalla RAF e che la nuova colla non era stata sottoposta a test di tenuta soddisfacenti.
Nonostante questo la produzione fu riavviata, ma il velivolo WNr. 320003 KU+SP, andò distrutto durante il decollo e la linea di montaggio venne smantellata.


Focke-Wulf Ta 154 © Marco Vergani - Click to enlarge

Dati Tecnici:
Ruolo: caccia notturno
Equipaggio : 2 persone
Progettista : Kurt Tank
Costruttore: Focke-Wulf Flugzeugbau GmbH
Entrata in servizio: giugno 1944
Esemplari costruiti: circa 50
Lunghezza: 12,57 m.
Apertura alare: 16,00 m.
Altezza: 3,60 m.
Motori: 2 Junkers Jumo 211R
Potenza: 1.500 CV /cad.
Velocità massima: 642 Km./h a 8.000 m.
Armamento: quattro cannoni MG 151 da 20mm


Focke-Wulf Ta 154 © Marco Vergani - Click to enlarge

Il kit
Un kit della Dragon in 1/48, riguardante un particolare velivolo costruito dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale: il Il Focke-Wulf Ta 154.
Non ho incontrato particolari difficoltà nell’assemblaggio del modello, però la qualità di questo kit non è certo da paragonare a quello del Bf. 110 in 1/32 , sempre della Dragon, apparso su questo sito modellistico all’inizio di quest’anno.
Purtroppo alcuni tipi di modelli non sono commercializzati da molte ditte e pertanto bisogna accontentarsi di quello che “passa” il mercato.
Se devo dare un voto a questo kit è comunque più che sufficiente, se non altro per l’originalità e il coraggio di stampare modelli meno conosciuti e pertanto meno commerciali.
Devo spezzare una lancia a favore di questo kit: infatti nella scatola sono state inserite, dalla Dragon, due lastrine foto incise riguardanti l’una l’abitacolo ( cruscotto ed altro), mentre l’altra le antenne del radar. Nella scatola del kit, regalatami dal Club Modellistico Corona Ferrea di Monza, club a cui appartenendo, era inserita anche una lastrina foto incisa della Eduard n. 48300 riguardante sempre il Ta 154.
Il modello è stato costruito “quasi” da scatola; infatti ho acquistato il set di dettaglio in resina della Verlinden Production VP 1547, molto bello. Il set riguarda tutto l’abitacolo, ma anche la vista di un mezzo motore e l’alloggiamento del cannone sinistro del velivolo. Pertanto ho dovuto eliminare parte di un portello di una gondola motore ed i pannello armi sinistro, armandomi di cutter e carta abrasiva.


Focke-Wulf Ta 154 © Marco Vergani - Click to enlarge

L’abitacolo del Ta 154 è stato dipinto in RLM 66, usando il colore acrilico della LifeColor UA133 FS36081. Per dare risalto all’intero abitacolo ho eseguito un lavaggio con del nero e marrone opaco molto diluiti.
Infine, cruscotto e pannelli laterali contenenti le varie strumentazioni dell’abitacolo, sono stati poi “ripassati” con del nero opaco meno fluido, eseguendo poi dei “lavaggi” in modo da far risaltare le strumentazioni stesse con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto).
Il tettuccio è stato lasciato aperto, ed è stato mascherato usando il foglio mask della Montex SM 48085 Ta-154.
Per quanto riguarda il camouflage del Ta 154, considerato che era nato come caccia notturno, è quello standard per questi tipi di velivoli: intero velivolo in RLM 76 con macchie sfumate in 75 sulla parte superiore del velivolo, lati fusoliera e timone.
Il velivolo però da me scelto, codice d’identificazione TE+FG, comprendeva uno splinter superiore di 74/75 e di 76 per le superfici inferiori ( la linea di separazione era alta a livello del bordo d’uscita alare ).
Per la colorazione ho usato lo spray Tamiya, in particolare l’AS 5 come RLM 76, mentre gli acrilici Life color UA072 e UA073 per gli RLM 74 e 75 ( dati a pennello ); sono poi state dipinte delle macchie molto sfumate in RLM 75 usando sempre l’acrilico della Life color UA073, usando il cotton fioc.
Dopo il posizionamento delle decals ho voluto dare soprattutto al modello un aspetto vissuto, ma non troppo, in quanto il velivolo non ha mai avuto una vera vita operativa, rimanendo sempre a livello di prototipo. Ho cercato altresì di mettere in evidenza le linee delle pannellature, per poi sigillare il tutto con spray opaco trasparente.


Focke-Wulf Ta 154 © Marco Vergani - Click to enlarge

Figurini e veicolo
Per quanto riguarda il mezzo ho inserito, nel diorama, la Citroen traction 11CV del kit n. 89731 della Tamiya, ed i figurini della ditta ICM “German Luftwaffe Pilots and Ground Personnel“ n. 48082 molto, molto belli.
La Citroen è stata dipinta con il TS 4 German Grey, poi subendo dei lavaggi in marrone e nero opachi per accentuare l’usura della stessa. Ho anche voluto lasciare una portiera aperta e, pertanto, ho dovuto lavorare di cutter per asportare la stessa dal pezzo che formava tutta la carrozzeria ed incollarla aperta.
I figurini sono stati dipinti nei classici colori che riguardano piloti e meccanici della Luftwaffe, con smalti della Humbrol.
Ho pure inserito un set in resina della Gaso.Line art. n. 50548, riguardante dei bidoni di carburante, parzialmente coperti da un telone e delle casse in legno, ed una scala recuperata.


Focke-Wulf Ta 154 © Marco Vergani - Click to enlarge

Ambientazione
Per la basetta, molto semplice in verità, ho adoperato la solita cornice di legno, cm. 25×30, senza lastra di vetro.
Ho creato con dei listelli di legno, quelli usati per il modellismo navale, una zona adibita alla manutenzione dei velivoli
La parte circostante è stata ricoperta con colla vinilica. Sopra la colla ancora fresca ho sparso della sabbia setacciata. Una volta ben asciutto ho tolto la parte eccedente della sabbia, cospargendo infine dell’erbetta usata nel modellismo ferroviario. Ho sigillato poi il tutto con una bella spruzzata di trasparente opaco comprato in ferramenta.
Ho voluto creare una parte più alta rispetto alla zona adibita alla manutenzione dei velivoli, delimitata da una palizzata creata sempre con listelli di legno usati per il modellismo navale. In questo piccolo spazio del diorama, ho voluto inserire un albero acquistato all’Hobby Model Expo di Novegro svoltosi lo scorso settembre, per “movimentare” la scena, la quale mi sembrava un pochino piatta.


Focke-Wulf Ta 154 © Marco Vergani - Click to enlarge

Marking
Il modello rappresentato nel diorama è un Focke-Wult Ta, 154 V3 (WNr 0003) codice di identificazione TE+FG, con base a Insterburg, Germania, nell’autunno del 1943.


Focke-Wulf Ta 154 © Marco Vergani - Click to enlarge

Un doveroso ringraziamento va agli amici del “Club Modellistico Amici Corona Ferrea di Monza e Brianza”, che mi hanno permesso di poter costruire questo velivolo da loro regalatomi.

Per correttezza, la documentazione storica sul velivolo è stata reperita da Wikipedia, l’Enciclopedia Libera.
Le fotografie storiche sono state recuperate dal sito www.luftarchiv.de.
Un grazie a queste fonti.

Buon modellismo a tutti !!

Marco Vergani
© 2009
[Gallery]

Il mio prossimo modello sarà il Messerschmitt Bf 109 E-4 in scala 1/32 della Eduard, raffigurante il famosissimo Emil dell’asso tedesco Adolf Galland.