Questo sito contribuisce alla audience di

Iceland - Alessio Sonnini

Kit Rackham, 54 mm

Iceland

Dopo una lunga pausa dovuta ad impegni universitari, mi sono reimmerso in quello che è il nostro caro hobby.
Visto che ho l’aerografo temporaneamente fuori uso (grazie alla mia delicatezza da rinoceronte nell’avvitare la duse in sede), mi sono deciso di provare a realizzare un dioramino fantasy con il solo uso dei pennelli, cercando di migliorare le mie modeste capacità pittoriche sui figurini; ho colto l’occasione anche per provare a simulare per la prima volta la neve, visto che ero davvero incuriosito dalle molte tecniche usate dai modellisti.
Detto fatto: una volta procuratomi la miniatura (un Wolfen dal kit Rackham in 54 mm), colori, polistirolo e bicarbonato, ho dato il via a questo “glaciale” progettino.


Iceland © Alessio Sonnini - Click to enlarge

La miniatura
Il montaggio è stato veloce, con del cianoacrilato ho incollato gli arti e ho rifinito (soprattutto la giuntura della testa sulle spalle) con dello stucco del tipo Tamiya Epoxy Smooth bicomponente.
Mano di primer bianco e via con un bel blu LC 60 Lifecolor.
Ho usato una nuova tecnica per quanto mi riguarda, chiamata Blending (interessante per applicare sfumature del colore) oltre alle sempre utili Pennello asciutto e Lavaggio.
Per l’arma ho tentato di simulare il metallo usando colori lucidi grigi (sempre Lifecolor), accentuando sfumature e luccichii propri del metallo. Infine con un pennellino sottilissimo ho creato i dettagli (simboli sulla spada e sulle unghie).
Dopo un paio di mani di trasparente opaco, ho lasciato la miniatura ad asciugare passando alla progettazione del diorama.


Iceland © Alessio Sonnini - Click to enlarge

Ambientazione
Ciò che avevo in mente era una scena ambientata in un ipotetico paese ghiacciato, magari subito dopo un abbondante nevicata.
Una volta buttato giù uno schizzo approssimativo sono partito alla ricerca dei materiali.
Il budget e il tempo per cercare oggetti specialistici sono molto limitati, quindi mi sono servito di materiali di recupero: un bel pezzo di polistirolo di 90°, una confezione di ricotta vuota (eh si, avete letto bene…), un coperchio di un barattolo e un po’ di bicarbonato.
Ho capovolto la scatola di ricotta e con il cianoacrilato ho incollato sopra il coperchio di metallo.
Sopra di esso ho ancora incollato il polistirolo ( che era stato precedentemente modellato e carteggiato per riprodurre un arcata e un muro).
Ha seguito subito dopo un intensa procedura di drybrush con grigi vari per conferire realismo e tridimensionalità alla struttura. Lo scudo è realizzato in cartone con un immagine di un clan dipinta con un pennello sottilissimo.
Le legna sono veri pezzi di legno incisi e dipinti con vari marroni.


Iceland © Alessio Sonnini - Click to enlarge

Il manifesto è una sfoglia di stucco, stesso materiale usato per le stalattiti.
Dopo tutto questo, ho ricoperto la base con carta imbevuta nel Vinavil e acqua, a ricreare le grinze di un blocco di ghiaccio.
Ho creato poi un miscuglio di Vinavil, acqua e bicarbonato, l’ho steso su gran parte del diorama a ricreare la neve compatta ( sicuramente i modellisti più esperti di me usano tecniche più raffinate ed efficaci, ma a parer mio questa del bicarbonato rende bene l’idea).
Dopo aver colorato il tutto, ho aggiunto la miniatura nella sede ricavata, aggiungendo dettagli con stucco ( come la saliva congelata che esce dalla bocca del personaggio) e mani di vernidas sulla neve per conferirle lucentezza.


Iceland © Alessio Sonnini - Click to enlarge

Nella speranza che non ingiallisca tutto il bicarbonato a causa dell’umidità dell’aria, vi saluto e auguro a tutti
buon modellismo!

    

© 2009 Alessio Sonnini
[Gallery]

    

Link correlati