Questo sito contribuisce alla audience di

FW 190 D9 (II) - Roberto Colaianni

Kit Revell, scala 1/32

FW 190 D9

Il diorama

FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

  • Base in polistirolo rivestita in gesso ceramico e incisa con punta di compasso.
  • Lato hangar e torre per il sostegno rotaia portone in polistirolo rivestito di in DAS e inciso quando ancora fresco.
  • Scala a gradini, scala a pioli, balconcino, tetto hangar, porta, chiodature tralicci in profilati Evergreen, listelli in noce, acetato (vetrata satinata sul frontale)
  • Portone hangar in cartoncino ondulato, profilati Evergreen e acetato trasparente.
  • Ceppi ruote in profilati Evergreen e filo di ottone
  • Vascheta raccolta olio in lamierino di rame
  •  
    Colorazione velivolo: mimetica.
    Mimetica di primo tipo in RLM 75 e 82, con piccole macchie negli stessi colori che sfumano la separazione con l’RLM 76 delle superfici inferiori.

  • Cappottatura del motore in RLM 83-76 con separazione dritta e netta.
  • Applicazione campale di macchie in RLM 84 Blau grau sulla cofanatura motore
  • Fascia della difesa del Reich in nero-bianco-nero con sottile bordatura bianco-nera.
  • Svastica sulla deriva di tipo grande senza bordature.
  • Croci bianche ai lati della fusoliera, scurite centralmente in RLM 71 Schwarz Grun.
  • Chevron e barre neri bordati di bianco
  • Croci estradosso alare bianche (solo bordi)
  • Croci intradosso alare nere/piene
  • Walk away tratteggiate bianche
  • Ogiva nera con spirale bianca
  • Elica in RLM 70 Schwarz Grun
  • La colorazione è cominciata con un fondo alluminio Tamiya, ottimo per rivelare imperfezioni delle stuccature e giunzioni, protetto da tre mani di cera per pavimenti Emulsio Facile dati a spruzzo, diluiti 50-50 con acqua a intervalli di 30 minuti.
    Lo scopo del fondo alluminio è quello di riprodurre la superficie metallica scrostando la mimetica con la lama di un cutter.
    Lo scopo della cera è quello di ridurre l’aggrappaggio dei successivi strati di colore per poter meglio essere scrostati.


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Superficie inferiore in RLM 76, smalto Model Master (45%) e diluente Humbrol (55%).
    Prima mano: da barattolo. Seconda mano: colore schiarito con del bianco MM al centro dei pannelli. Terza mano: colore scurito con del Grigio scuro MM RLM 66 sulle linnee dei pannelli.
    Pannelli ripresi con del grigio XF 24 Tamiya (20%) e diluente della casa (80%) mascherandoli da un lato con nastro Tamiya.

    Superfici superiori in RLM 82-75 a smalto Model Master (45%) e diluente Humbrol (55%).

    Rlm 75: prima mano: da barattolo. Seconda mano: colore schiarito con del bianco MM al centro dei pannelli. Terza mano: colore scurito con del nero sulle linnee dei pannelli.

    RLM 82, riprodotto con il RAF dark green Model Master (45%) e diluente Humbrol (55%) poiché la tonalità dell’apposito colore MM non mi convinceva. Seconda mano colore schiarito con del bianco MM al centro dei pannelli. Terza mano: colore scurito con del verde-nero RLM 71 sulle linnee dei pannelli.


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Sfumatura e macchioline laterali in 75-82 MM da barattolo, solita diluizione.


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Macchie sfumate in RLM 84 Blau Grau dipinte a mano libera con mix di Tamiya XF22 RLM Gray e XF 18 Medium blue


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Colorazione velivolo: insegne.
    Croci, svastiche, banda di difesa del Reich ( a meno del sottile bordino bianco-nero) sono dipinte a spruzzo con mascherature autocostruite in carta adesiva per disegnatori e colori acrilici Tamiya


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Walk Away dipinte a spruzzo con mascherature autocostruite in profilati Evergreen.


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Spirale ogiva in Nato black Tamiya, cera Enulsio Facile, Decal Eagle Strike ripresa con bianco Tamiya.
    Dopo l’applicazione delle insegne, i pannelli sono stati ripresi con del Nato black Tamiya (20%) e diluente della casa (80%) mascherandoli da un lato con nastro Tamiya.
    La miscela è anche stata spruzzata da lontano (circa 20 cm) su tutte le insegne bianche per smorzare il contrasto con il resto della superfici.

    Colorazione velivolo: invecchiamento prima fase

  • Invecchiamento di tutta la superficie mediante delicato sfregamento di panno inumidito di acquaragia
  • Scrostature, ottenute graffiando la mimetica con la punta della lama di un cutter.

  • FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

  • Gas di scarico motore, Nato black Tamiya (10%) diluente della casa (90%) velato con del Marone XF-10 stessa diluizione.

  • FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

  • Fumi armi in Nato black Tamiya (10%) diluente della casa (90%)
  • Colature e sporcature di olio e fumi vari su tutta la superficie inferiore in Dark Gray, Brown, e Nato black.

  • FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Colorazione velivolo: posa decal

  • Una mano di cera per pavimenti Emulsio Facile data a spruzzo, diluita 50-50 con acqua.
  • Applicazione decals praticamente ridotte ai soli stencil e al bordino della banda di difesa del Reich, posati con ammorbidente Gunze Mr. Softner.
  • Ulteriore mano di cera.
  •  
    Velivolo, invecchiamento seconda fase

  • Leggero lavaggio generale con colori a olio nero. Ripetuto tre volte a distanza di una settimana.
  • Lavaggio selettivo in alcune linee di pannellature in terra di Kassel
  • Tenui colature molto sfumate in Terra di Siena Bruciata sulla parte inferiore della fusoliera.

  • FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

  • Due leggere mani di opacizzante Humbrol (50%) e diluente della casa (50%) a lavaggi ben asciutti (una settimana)
  • L’applicazione degli ultimi dettagli quali tettucio, carrelli, antenna Morane, paracadute, salvagente, scaletta ecc. hanno concluso la costruzione del’aereo.

    Diorama


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

  • Carrello olio: fondo German Gray, prima mano in Ocra Yellow poi schiarito con del bianco tutti Tamiya al centro dei pannelli.
  • Scrostature in German Gray Vallejo bordate in beige.

  • FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Figurini, cane, volatili: tutti dipinti a pennello con acrlilici Vallejo, lavaggi a olio Terra di Kassel per giubbino in pelle pilota, scarpe e cinture.


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    E il risultato finale:


    FW 190 D9 © Roberto Colaianni- Click to enlarge

    Conclusioni
    Un progetto durato circa un anno, intercalato a pause dedicate ad altri soggetti.
    Ci sono volute circa 30 ore per la sola rivettatura.
    Sono molto soddisfatto del risultato ottenuto.
    L’invecchiamento è molto marcato, forse troppo rispetto ai canoni comunemente accettati dalla comunità modellistica, però a me piace cosi, e io faccio modellismo innanzi tutto perché mi piace e voglio farlo a modo mio.
    Prima di iniziare la costruzione ho visitato diversi siti internazionali e preso visione di decine di modelli di FW 190 D9 per trarne ispirazione.
    Modelli dettagliati all’inverosimile, costruiti alla perfezione, pitturati in maniera impeccabile, riproducenti soggetti accattivanti, mancavano di quel briciolo di realismo e carattere che caratterizzava invece pochi di essi, altrettanto ben fatti ma, che con l’aggiunta delle rivettature e di marcati chiaroscuri tre le varie file di rivetti, erano decisamente un’altra cosa.
    Mi rendo conto che posso essere criticato per i rivetti forse troppo marcati, magari in qualche punto non perfettamente allineati. I bordi bianchi delle insegne di commodoro possono non essere perfettamente centrati.
    Sono conscio del fatto che delle ruote in resina e flap fotoincisi sarebbero stati meglio di quelli forniti da scatola.
    Ma per me un aereo, è un aereo nel suo insieme, non una collezione di foto macro di singoli dettagli, per cui preferisco privilegiare l’assieme, la colorazione e l’invecchiamento, rendere le linee aggressive di una temibile macchina da guerra, logora, sporca ma prorio per questo, vera.
    Naturalmente non pretendo di convincere nessuno con le mie teorie, ognuno è libero di fare modelli come vuole, a me, l’ho già scritto, piacciono cosi.

    Vedi la prima parte

    Roberto Colaianni
    [Gallery]
    GAMS Udine

       

    Commenti dei lettori

    (Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
    • luigi frascarelli

      26 Aug 2010 - 22:02 - #1
      0 punti
      Up Down

      sei mitico il lavoro è stupendo non so come fai ma sei un mago assoluto!
      non arriverò mai a quei livelli di perfezzione io i modellini li coloro appena e sono delle croste ma come fai a essere tanto preciso?

    • Roberto Colaianni

      13 Oct 2010 - 20:57 - #2
      0 punti
      Up Down

      Ciao Luigi,

      ho visto solo oggi i tuoi commenti ai miei modelli, innanzi tutto grazie, sono lusingato dal fatto che ti piacciano. Ti sei guadagnato la tessera n°000001 del mio fan club.
      A parte gli scherzi,io non credo di lavorare in maniera estrmamente precisa, ci sono moltissimi modellisti che lavorano meglio di me. Se mi concedi un minimo di presunzione, penso però di cavarmela abbastanza bene con l’ aerografo, ma, la cosa più importante, è che credo di riuscire a trasmettere con i miei modelli quella vivacità e quell’ aspetto vissuto che a volte modelli realizzati meglio possono non avere, risultando freddi.
      In questo poco spazio non posso farti un corso di modellismo, me se posso darti tre consigli, sono i seguenti:

      1.-Se già non ce l’ hai, comprati un buon aerografo, inutile spendere centinaia di Euro per dettagliare invisibili vani carrelli con resine e foto incisioni se poi non hai un mezzo idoneo a pitturare in maniera adeguata.

      2.-Leggi tutto, riviste, articoli in rete, libri, ma non farti confondere da mille tecniche, sono tutte valide, provane una alla volta e cerca di capire quella che ti è più congeniale. Paradossalmente io ho imparato molto dai quattro fascicoli editi da Auriga ( La casa editrice di Model Time e Sky model)sull’ invecchiamento dei mezzi corazzati. Sarà mica un caso che i miei aerei sono i più sporchi, scrostati impolverati della storia dell’ aviazione?
      La Osprey fa alcuni ottimi fascicoli dedicati alle tecniche modellistiche dedicati a singoli soggetti.
      Scegli un soggetto che ti piace, compra modello (che sia buono) e fascicolo dedicato e prova a copiare, se sbagli non ha importanza, confronta con il sogetto del libro e cerca di capire cos’ è che non va.

      3.-Lavora sempre con calma, se oggi dai la prima mano di colore al ventre di un aereo, la sessione succesiva dedicati ai carrelli,alle bombe, insomma “stacca”.
      Ritorna al ventre dopo qualche giorno,io riesco ad avere le idee più chiare su quello che voglio ottenere.
      E’ difficile, lo so, ma non avere fretta di finire il modello, se vuoi che venga bene, vai piano.

      Non scoraggiarti, l esperienza è la somma degli errori fatti,e io sono molto esperto.
      con un po’ di impegno e buona volontà sono sicuro che ce la farai.

      Ciao
      Roberto Colainni