Questo sito contribuisce alla audience di

Enoteca Regionale del Roero

Enoteca Regionale del Roero

Enoteca regionale del Roero

Via Roma 57 - Canale (Cn)

tel. 0173-978228

 

Si trova a Canale in un palazzo sorto sull’antico sito di una Torre-Porta, aperta nella cinta muraria medioevale della “villa nova”. L’edificio appartenne prima alla famiglia dei Roero, per lungo tempo signori di queste terre, poi passo’ ai Malabaila. Alla fine del 1800, il palazzo venne restaurato e divento’ sede dell’asilo infantile Regina Margherita. Dopo piu’ di un secolo di attivita’. l’asilo venne trasferito  si apportrono nuovi interventi architettonici per renderlo adatto ad ospitare l’Enoteca.

 

L’edificio si presenta disposto su tre ali che danno su un cortile lastricto in porfido. Il cancello di ingresso, in fero battuto, e’ stato realizzato dagli artigiani canalesi F.lli Scarsi ed e’ ornato dall’insegna araldica dei Roero. Accanto alla porta di ingresso un’opera degli stessi artigiani raffigura la posizione nello spazio dell’asteroide “Roero”, scoperto da un astronomo americano nel 2000.

 

Una porta in legno conduce all’interno del palazzo: nell’ala sinistra si trova la sala di esposizione e di degustazione dei vini; la parte centrale ospita la segreteria; l’ala destra e’ occupata da un ampio salone per convegni. La parte di fondo di questo ambiente e’ stata affrescata dall’artista astigiano Nicola Coluccello con motivii che richiamano un giardino soleggiato, animato da una fontana e dominato da una fitta vite rampicante.

Il piano superiore ospita il Ristorante dell’Enoteca (telefono 0173/95857) che dispone di due ampie sale. Qui, in un ambiente curato e discreto, l’offerta della tradizionale cucina piemontese proposta con estro e creatività e dei vini rigorosamente selezionati, si esprime ai massimi livelli di raffinata qualità. Il  Ristorante “All’Enoteca” da quattro anni stella Michelin.

 

L’Enoteca e’ attiva dal 1994 e sono presenti tutti i vini che rappresentano la realta’ enologica locale: Roero, Arnesi, Favorita, Nebbiolo d’Alba, Bonarda.