Questo sito contribuisce alla audience di

Gioco delle cuvée - La finale

Sette squadre - sette citta'- oltre 300 partecipanti impegnati per creare una cuvée

Si è svolta ad Adro, nella sede dell’Azienda Contadi Castaldi, la finale di un “educational tour” che ha portato in sette città d’Italia il mestiere e l’arte di creare una cuvée. Un aspetto quest’ultimo fra i più delicati e complicati nella creazione di un Franciacorta (spumante metodo classico a denominazione esclusiva del territorio di Franciacorta), molto spesso tenuto segreto e poco divulgato ai non addetti al settore. Ed è stato proprio questo il fattore di maggiore successo dell’iniziativa che rende esplicito, e direttamente sperimentabile, il metodo e la tecnica di creazione di un prodotto unico che dalla padronanza delle variabili del territorio trae il suo gusto e la sua riconoscibilità tipologica. Un patrimonio di conoscenza anche per l’azienda che crea un osservatorio privilegiato e assolutamente imparziale sull’evoluzione del gusto dei consumatori.

Le tappe del tour quest’anno hanno toccato le seguenti città: Mantova, Bergamo, Ferrara, Pollenzo, Imola, Caorle e Roma. Il successo di pubblico e di interesse è stato come sempre molto alto e i vincitori assoluti di ogni tappa si sono sfidati a colpi di “cilindri ed imbuti” nella finalissima di ieri.

Protagonisti e realizzatori della Cuvée vincitrice sono stati: Alberto Balestra, Dario Barbieri, Nicola Castellucci, Alberto Martini, Paolo Menon, Fabio Piccoli, Attilio Spagnolo. La loro squadra ha giocato ad Imola, nel ristorante Molino Rosso.

I vincitori hanno creato una cuvée composta dai vini base derivanti dai suoli rappresentativi delle seguenti unità vocazionali codificate dallo Studio di Zonazione effettuato sul territorio franciacortino, ed eseguita secondo la seguente percentuale di dosaggi:

20% depositi fini - 20% fluvio-glaciale - 10% colluvi distali - 25% morenico profondo - 25% colluvi gradonati

Nella realizzazione di questa cuvée, la squadra di Imola ha saputo riprodurre e interpretare le caratteristiche primarie del Satèn di Contadi Castaldi: un profumo fresco e floreale, un colore paglierino vivo e scintillante ed un gusto morbido, fragrante, di immediata piacevolezza.