Questo sito contribuisce alla audience di

La strada del Enoturismo

28 giugno alle ore 22:45 su Sat8 canale 859 di Sky

In studio: Michele Bernetti

Risale agli anni ‘50 la fondazione dell’azienda vinicola, ad opera del Dottor Gino Umani Ronchi, che pose la sua prima sede a Cupramontana, nel cuore della zona di produzione del Verdicchio Classico.

E’ di pochi anni più tardi l’ingresso nella società dell’Ingegner Bianchi, con il quale si allarga notevolmente l’attività di produzione e commercializzazione dei vini “Umani Ronchi”. Negli anni ‘70, rilevata interamente la proprietà dell’azienda, ed affidatane la direzione al genero Massimo Bernetti, viene decisa la costruzione delle due attuali cantine di Castelbellino e Osimo: la prima destinata alla vinificazione del Verdicchio, la seconda alla lavorazione del Rosso Conero, nonché all’imbottigliamento e stoccaggio dei vini.

Fino agli anni ‘80, il panorama enologico marchigiano è stato dominato dal Verdicchio, vino che da un lato incontrava i favori dei mercati internazionali ma dall’altro metteva in ombra gli altri vini regionali, in particolare i vini rossi che la stessa Umani Ronchi produceva. La necessità di valorizzare questi ultimi ha rappresentato un incentivo per la Umani Ronchi che decise di investire fortemente nel miglioramento qualitativo della propria produzione allargando di conseguenza il ventaglio dei vini proposti. Viene dedicata maggiore attenzione al principale vino rosso marchigiano, il Rosso Conero, che man mano diventa uno dei prodotti leader dell’Azienda; e contemporaneamente viene rinnovato il ruolo del Verdicchio, con la realizzazione di ‘cru’ e ‘riserve’, capaci di competere con i migliori vini bianchi italiani.

Massimo Bernetti, che dagli anni ‘90 è affiancato dal figlio Michele nella direzione dell’Azienda, dopo aver creato vini apprezzati in tutto il mondo, aver rinnovato gli impianti vitati ed aver ristrutturato la grande cantina di Osimo con annessa avveniristica barricaia, non è mai soddisfatto e continua ad avere ben presente l’obiettivo dell’alta qualità, da mantenere attraverso un serio lavoro di sperimentazione agronomica, di cura del vigneto e di adozione delle più moderne tecniche enologiche.

All’interno della trasmissione

MiWine - prima parte - : la fiera biennale milanese business to business del vino che si pone come punto di riferimento per fare incontrare la domanda e l’offerta di questo grande prodotto. Con le interviste ai protagonisti: produttori, consorzi, associazioni, enologi per capire dove va il mercato.