Questo sito contribuisce alla audience di

Enoteca Regionale del Barolo

Al Vinitaly 2007 presentato il manifesto dei 25 anni dell'Enoteca Regionale del Barolo

Domenica 1 Aprile 2007 al Vinitaly di Verona presso lo spazio istituzionale della Regione Piemonte si è svolto l’incontro dibattito dal titolo ” L’Enoteca Regionale del Barolo racconta i suoi primi 25 anni. La voce dei testimoni e dei protagonisti”.

Erano presenti l’Assessore regionale all’Agricoltura Mino Taricco, il Presidente dell’Enoteca regionale del Barolo - Regione Piemonte Luigi Cabutto e i protagonisti di questi primi 25 anni di vita dell’Enoteca.

” I 25 anni dell’Enoteca Regionale del Barolo diventano un momento storico di memorie e di riflessione per queste colline di Langa e per gli undici Comuni che fanno parte del disciplinare DOCG del Barolo - dichiara il Presidente dell’Enoteca Regionale del Barolo e Coordinatore regionale dell’Enoteche del Piemonte Luigi Cabutto. L’Enoteca Regionale in questi anni è diventata un costante laboratorio di idee, iniziative e promozione che senz’altro hanno, contribuito a far decollare un territorio collinare nell’universo dei vini nel mondo.

Il primo pensiero va ai Presidenti che in questi anni si sono succeduti e che sono il compianto Giovanni Battista Rinaldi, il nostro Sig. Teobaldo Cappellano e la Dott.ssa Renata Salvano, oltre al Sindaco di Barolo, Walter Mazzocchi, che già 25 anni fa aveva pensato di mettere a disposizione i grandi spazi del Castello di Barolo alla partecipazione corale di tutti i Comuni del comprensorio collinare del Barolo. I vignaioli e i produttori aderenti alla nostra Enoteca sono stati i grandi protagonisti di questo fenomeno e di un grande mito vitivinicolo, che ha saputo sfidare mode e tempi e che ancora oggi si presenta sulle tavole del mondo con la grande regalità di cui è portatore insieme con la cultura e la storia che sa trasmettere”.

A chiusura l’enologo Lorenzo Tablino ha guidato una degustazione di Barolo annata 2002 - bottiglia istituzionale.

Ha moderato il giornalista Roberto Rabachino, Presidente dell’ Associazione Stampa Agroalimentare Italiana.