Questo sito contribuisce alla audience di

1000 risotti al Macef

Anche in Fiera l’adesione alla giornata del risotto alla milanese

Si avvicina la celebrazione della seconda edizione della IDIC, International Day of Italian Cuisines, la Giornata Internazionale delle Cucine Italiane.
L’iniziativa, ideata ed organizzata dal Gruppo Virtuale Cuochi Italiani (GVCI), vuole essere un appello, affinché in tutto il mondo la cucina italiana sia rispettata e, dunque, eseguita secondo i più rigorosi criteri di scelta delle materie prime e di osservanza delle ricette originali.
Lo scorso anno fu subito grande successo, il Carbonara day fu festeggiato in Italia e nel mondo, lasciando un segno indelebile, un messaggio forte e chiaro di identità gastronomica e di orgoglio per i nostri connazionali all’estero, a tal punto che i clienti, dalle Americhe all’Asia, nei paesi arabi o in Europa, ancora oggi pretendono che la carbonara sia inamovibile dai menu dei migliori ristoranti italiani di tutto il pianeta.

Quest’anno sarà RISOTTO ALLA MILANESE e quella che viene definita la Ola della buona cucina italiana sta già elettrizzando tutti coloro che stanno aderendo, pronti a passarsi il testimone nelle 24 ore di fuso che trascorreranno durante il prossimo 17 gennaio 2009.

Per seguire l’evento, anche con dirette web, basterà collegarsi a www.itchefs-gvci.com

In Italia si cercherà di rispondere all’appello con tante iniziative e Milano, visto il forte legame con la ricetta prescelta, sarà teatro di significative adesioni.
In Fiera, durante la manifestazione Macef, si è deciso di cucinare risotto per tutti i 4 giorni della manifestazione, con ricette diverse ogni giorno, ma, naturalmente, con il Risotto alla Milanese protagonista il mezzogiorno di sabato.
Più di mille porzioni saranno preparate nella CHIC Lounge allestita per l’occasione al pad.9 - U01/V09, un’area attrezzata di 300 mq dove protagonisti saranno i cuochi della nascitura associazione CHIC (Charming Italian Chef), un gruppo di cuochi di livello “stellato” che già in questa anteprima comunicheranno col proprio lavoro la propria mission: portare nel mondo la nuova cucina italiana.
Niente di meglio, dunque, che aderire alla buona idea del GVCI il gruppo di cuochi italiani operanti all’estero, che, guidati dal Presidente Mario Caramella co-fondatore dell’associazione insieme a Rosario Scarpato, dal 2001 ad oggi sono già quasi più di 800 e “si incontrano” quotidianamente in un forum su internet per scambiarsi pareri, informazioni, indicazioni su prodotti e fornitori e fare, dunque, concretamente, cultura della cucina italiana nel mondo.

Ma non è tutto, il GVCI lascerà un segno in più in questa giornata, infatti, a Milano sarà presente Emanuele Lattanzi, il cuoco resosi mondialmente celebre per il gesto d’amore per la figlia Clarice durante l’attacco terroristico di Mumbai. Emanuele è stato indicato dal GVCI come Cuoco dell’anno, un riconoscimento pensato per sottolineare l’impegno ordinario e straordinario che questi nostri connazionali svolgono tutti i giorni lontano dal nostro Paese.
Emanuele Lattanzi, alla presenza di Rosario Scarpato, Presidente Onorario GVCI, riceverà la Padella d’argento, segno tangibile del premio GVCI, dalle mani di Enrico Piazza della società PIAZZA e parteciperà alla preparazione del risotto alla milanese con il cuoco CHIC Massimo Sola dei 4 Mori di Varese.

A cena diversi ristoranti della città proporranno Risotto alla Milanese ai propri clienti per festeggiare, al BRELLIN si approfitterà per consegnare il premio della Giuria Popolare “Giallo Milano, miglior risotto alla milanese”, 2a edizione, (attribuito in base alle valutazioni dei clienti presso i 52 ristoranti in concorso). I vincitori del Premio della Critica e del Premio Gerry Scotti, per lo stesso concorso, erano stati rispettivamente gli chef Silvano Prada del Four Season e Alessandro Rimoldi di El Brellin

Link correlati