Questo sito contribuisce alla audience di

Il Pecorino, vino simbolo del Piceno

Un bianco vestito di rosso

Di recente, Tecniche Nuove ha pubblicato un libro intitolato “La riscoperta del Pecorino” , vitigno a bacca bianca diffuso nelle Marche ed in Abruzzo e piu’ limitatamente in Lazio, Toscana, Umbria e Liguria, conosciuto con vari sinonimi, da uva delle Pecore a Dolcipappola, Moscianello e Pecorino.
É un vitigno che matura presto, secondi alcuni studiosi potrebbe appartenere alla famiglia dei trebbiani, il suo nome é strettamente legato alla pastorizia, uno studio pubblicato nel 1873 dice che “fosse appetibile dalle pecore al pascolo, diffuso com’era in zone altocollinari”.
A causa delle sua bassa produttivita’ nel secolo scorso scompare dalle vigne delle Marche centro settentrionali , mentre ha continuato ad essere coltivato in area picena. La ripresa di interesse si colloca all’inizio del secondo dopoguerra con gli studi del prof. Bruno Bruni.
Nei primi anni Ottanta, Guido Cocci Grigoni, fondatore dell’omonima cantina nella sua tenuta di San Savino di Ripatransone, nel cuore del Piceno, rintraccia una vecchia vigna coltivata a Pecorino e decide di realizzare un primo impianto per sostenre le sperimentazioni.
La prima produzione di vino ottenuto da uve Pecorino vinificate in purezza risale al 1990, negli anni successivi la produzione di Pecorino si radica nell’area di Offida ed il Pecorino delle Marche conquista la doc nel 2001 con il nome di Pecorino di Offida.
Ha caratteristiche particolari, come un altissimo tenore in zuccheri, che si esprime in un alcol potenziale sempre sopra i 13,5°, un contenuto di acidi superiore a 8 g/l, un valore di pH intorno a 3 e un estratto secco netto superiore a 24 g/l. Ne scaturisce un vino bianco longevo, potente perché ricco di energia, piacevolmente sapido perché ricco di sali minerali, ceneri e acidi
Per conoscere da vicino la storia di questo vitigno, é utile leggere il libro realizzato in collaborazione con l’Universita’ Politecnica delle Marche ed illustrato dalle immagini di Giò Martorana

Il testo, suddiviso in tre sezioni, si propone di indagare lo stato dell’arte del vino da vitigno Pecorino sotto l’aspetto storico, con un excursus attraverso i secoli che si conclude con l’attività di ricerca e riscoperta attuata da Guido Cocci Grifoni, quello tecnico-enologico e quello di promozione e marketing, grazie a un’indagine di tipo qualitativo sulla conoscenza e sulla percezione del Pecorino.

“La riscoperta del Pecorino, storia di un vitigno e di un vino”
A.A. V.V.
ed. Tecniche Nuove, 2009
Pag. 92
Prezzo di vendita 12,90 euro