Questo sito contribuisce alla audience di

L'Harley Tax

Hai pagato l’Harley tax?

Dal sito webchapter.it


Cosa??
Ho già pagato iva, ici, irap, dazio, il pizzo, l’anello alla mia donna, fiumi di birra agli amici e adesso devo pagare anche la tassa all’ Harley?

Perché ?
Per poter rientrare nei limiti delle emissioni previsti dalla legge la factory ha dovuto “strozzare” le nostre motociclette, fino a farle soffocare!!
Non sono un anti-ecologista, anzi, ma considero ridicolo strozzare un’ Harley, quando ci sono mezzi pesanti che in un’ ora inquinano piu’ di un’ Harley in un anno.
L’ Harley tax interessa:
Filtro aria
Carburatore
Terminali di scarico

Procediamo con ordine, il filtro aria.
Per poter esprimere il meglio di se stesso, il carburatore ha bisogno di respirare la maggiore quantità di aria possibile.

Il filtro di serie va sostituito con un elemento filtrante della K&N , al posto del solito cartone microporoso, la K&N ha sviluppato un particolare tessuto,che inumidito con il suo olio, trattiene il 96% della polvere senza frenare il flusso di aria diretto al carburatore.

Il vantaggio è, che puo’ essere lavato con appositi prodotti, ri-oliato,e quindi riutilizzato per anni.
L’ideale è usare il kit della Screaming Eagle, la linea “sportiva” della motorfactory infatti prevede un kit che , oltre a montare il filtro K&N, sostituisce la conchiglia di plastica che si trova dietro il filtro, con un piatto (plate) che non impedisce il flusso dell’aria, e tramite anelli e viti, permette di montare il coprifiltro originale, per non stravolgere il look, ed anche per non dare nell’occhio.

Da prove fatte dai maggiori preparatori come Zipper, Morrow (Carl’s speed shop), Bartel, risulta il piu’ performante…”

Per continuare la lettura e consultare alcune immagini, vi basterà cliccare il linki successivo. Ciao, Luigi