Questo sito contribuisce alla audience di

Moto Special Art: siamo malati di moto

"Ci piacciono tutte ma preferiamo quelle che abbiano sacrificato qualche orpello originale o la conformità alle norme del codice della strada sull’altare dell’edonismo per l’esaltazione dell’Ego del loro possessore"

Dal sito MotoSpecialArt.it










SIAMO MALATI DI MOTOMoto mutilate? Non proprio. Preferiamo immaginarle, che Dio ci perdoni l’eresia, come le sculture che Michelangelo immaginava intrappolate nei blocchi di marmo. Moto liberate da quanto imposto dai diktat degli studi di marketing, dal politically correct, dalle normative ambientali, dalle regole imposte dai burocrati. Moto scostumate, irriverenti, esibizioniste, visionarie ma vere vive e pulsanti.

E senza far distinzioni tra custom, bobber, streetfighter, race-replica ecc. abbiamo voluto creare uno spazio virtuale in cui incontrarsi, confrontarsi, scambiarsi opinioni e sul quale proporre le proprie creazioni. Qualche paludato bacchettone resterà inorridito ma noi riteniamo che ogni prodotto dell’ingegno umano, dote che non ci manca di sicuro, sia Cultura. Inviateci le foto delle vostre creature e un commento sull’iter mentale e operativo che ha condotto all’evento. Da noi l’ingresso è libero….”

Per saperne di più, vi basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi