SafeBike: simulatore di guida del motociclo

L’utilizzo di un simulatore di guida di motoveicoli permette di addestrare il guidatore senza esporlo a rischio alcuno, può così essere utilizzato sia con persone inesperte, sia con guidatori esperti per migliorare le loro capacità di gestire situazioni estreme o pericolose.

Dal sito DinaMoto.it
 
L’utilizzo di un simulatore di guida di motoveicoli permette di addestrare il guidatore senza esporlo a rischio alcuno, può così essere utilizzato sia con persone inesperte, sia con guidatori esperti per migliorare le loro capacità di gestire situazioni estreme o pericolose. In Giappone i simulatori di guida di motoveicoli sono stati introdotti nelle scuole di guida già dal 1995, nei prossimi anni l’utilizzo di questo strumento potrebbe diffondersi anche in Europa.
 
Affinché il simulatore di guida abbia una elevata capacità addestrativa esso deve essere in grado di trasmettere all’utente sensazioni simili a quelle sperimentate durante la guida di un motoveicolo reale. In particolare, il simulatore deve trasmettere al guidatore le sensazioni relative al movimento di rollio e di beccheggio del veicolo e al movimento dello sterzo, contemporaneamente deve riprodurre al guidatore la scena visiva della traiettoria percorsa. Questo è possibile solo se il simulatore è in grado di esercitare sul guidatore delle accelerazioni simili a quelle che si hanno in condizioni di guida reale e se il moto viene accompagnato da una rappresentazione grafica adeguata.
 
Il simulatore è composto da:
 
·        una struttura (simulacro del motoveicolo) per il guidatore,
 
·        un codice che consenta la simulazione in tempo reale del comportamento dinamico del motociclo,
 
·        un sistema di sensori per monitorare le azioni del guidatore,
 
·        un sistema di riproduzione visiva per rappresentare lo scenario del moto dal punto di vista del guidatore,
 
·        un sistema di attuatori per imprimere alla struttura le accelerazioni opportune.
 
Tutto ciò è gestito da un computer munito del software per l’acquisizione dei dati dei sensori, per la simulazione del comportamento dinamico del motoveicolo, per la gestione dell’apparato di riproduzione visiva e per la gestione degli attuatori. Tutte queste operazioni devono essere compiute in tempo reale.
 
E’ in corso la progettazione del simulatore basato sul codice MOTO_3D che è in grado di integrare le equazioni del moto in tempo reale…”
 
Per continuare, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi
 

Peeplo Engine

Un motore di ricerca nuovo, ricco e approfondito.

Inizia ora le tue ricerche su Peeplo.