Questo sito contribuisce alla audience di

L'evoluzione del telaio nel tempo

Dall'ingombro massimo verso la totale scomparsa

Dal sito Motociclismo.it
 
“Cos’hanno in comune la Bimota Tesi 3D, la Vyrus, la BMW HP2 Sport e la Ducati Desmosedici? D’accordo, sono supersportive. Ma in comune hanno quello che… non hanno: il telaio. Intendiamoci: non è che ci abbiano rinunciato del tutto.
 
Però nessuna di queste moto, che spaziano da 80 a 200 CV, possiede un telaio nel senso più tradizionale del termine: si va dal corto elemento ad Omega di Tesi e Vyrus, al minuto scheletro della HP2 Sport, fino al cortissimo traliccio della Desmosedici RR: e gli esempi potrebbero continuare, perché Honda ha drasticamente semplificato (da 9 a 4 pezzi) il telaio della CBR 1000 RR, riducendone il peso di 2,5 kg e pare abbia in mente idee ancora più radicali per l’erede della VFR, che già ora ha il motore parzialmente portante.
 
Per non parlare dei sostenitori dello schema Elf-Bimota Tesi, che sembrano aver ripreso coraggio. E allora dove sta finendo il telaio?…”
 
Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi