Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista ad Ayrton Badovini

Il pilota di Biella è una delle giovani promesse della Superbike. A soli 23 anni sta raccogliendo i primi punti nel mondiale, grazie alla Kawasaki, al Team Pedercini, e a tanta umiltà

Dal sito Moto.it

“C’è una generazione di giovani piloti Italiani che da alcuni anni ci dà molte soddisfazioni nei campionati delle derivate di serie. Ne fanno parte Polita, Scassa, Corti, Pirro e Badovini.

Ayrton è un ragazzo serio, sempre molto posato e pacato. Un ragazzo vecchio stampo, che guarda molto alla sostanza e poco all’apparenza. Una dote sempre più rara, specialmente tra le nuove generazioni. Di lui mi piace ricordare una scena alla quale ho assistito due anni fa a Misano. Ayrton, Polita e Scassa si stavano giocando il campionato Europeo Superstock 1000.

Ero nel suo box quando arrivò Polita per chiedergli se per caso avesse una visiera di scorta per il suo casco, visto che entrambi utilizzavano la stessa marca. Ayrton non ci pensò due volte. “Sali - gli disse saltando sul suo motorino - ne ho una nuova nel camper“. Questa scenetta non solo rende l’idea dell’atmosfera che regnava tra i ragazzi della Superstock, ma la dice lunga circa la generosità e la schiettezza del giovane pilota di Biella…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi