Questo sito contribuisce alla audience di

Mondo Automatico - il Confronto

Dopo qualche timido tentativo negli Anni 70 le moto automatiche sembrano aver trovato la loro giusta dimensione nel nuovo millennio. Le proposte sono ancora poche, ma il ventaglio di soluzioni utilizzate è già più che completo

Dal sito MotorBox.com

“IN PUNTA DI DITA
Quello che è curioso infatti è che, nonostante le moto automatiche ad oggi si contino sulla punta delle dita, le diverse Case motociclistiche abbiano sviluppato il concetto di moto priva di cambio tradizionale in modo assolutamente originale. Yamaha, con la FJR 1300AS, prima moto vera e automatica dell’era moderna, ha proposto una turistica dotata di un cambio meccanico elettroattuato.

Aprilia ha inserito la propria creatura tra le naked – forse sperando di attirare qualche amante pigro delle moto più in voga del momento. Honda infine ha puntato per la sua DN-01 sul fascino cruiser o, meglio, power-cruiser: una categoria forse ancor meno affollata di quella delle moto automatiche, in cui la DN-01 sembra quasi una proposta futurista.SEQUENZIALE PER FORZA
Ad accomunare le due moto più recenti, oltre alla volontà di stupire ed innovare, c’è quindi solo il cambio automatico – oltre ad un motore bicilindrico a V - sebbene la soluzione tecnica scelta nei due casi non potrebbe essere più diversa. Entrambe, poi, propongono la funzionalità sequenziale del cambio, per offrire nella pratica sensazioni di guida simili a quelle di un cambio manuale…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi