Questo sito contribuisce alla audience di

La serie sterzo

Intervenire direttamente sulla serie sterzo per compiere una riparazione, oppure una semplice manutenzione od un controllo della serie sterzo, non è poi così difficile come potrebbe apparire...Bastano delle brugole, nella maggior parte dei casi, e con un pochino di pratica la serie sterzo sarà senza segreti...

src="./02-04-04%20serie%20sterzo_file/image002.gif" alt="LA SERIE STERZO"
v:shapes="_x0000_s1026">

COMPONENTI E MISURE

La serie sterzo si compone di più parti singole,
precisamente di un controdado con rondella dentata montati sulla
forcella, con l’aggiunta, di solito, di una guarnizione a protezione
delle sfere. Ci sono poi i cuscinetti cilindrici, che hanno la
caratteristica di avere una maggiore superficie rispetto ai modelli a sfera, ed
inoltre hanno una maggiore prospettiva di durata. Infine chiudono l’elenco le calotte,
superiore ed inferiore che vengono inserite nel telaio contenendo i cuscinetti.

Le serie sterzo sono prodotte in tre misure
differenti, da 1 pollice, da 1 1/8 di pollice e da 1 ¼  di pollice, anche se quest’ultima misura si
trova oramai solo su telai di costruzione meno recente, non essendo più adottata
sui nuovi telai.

Infine da non trascurare è la misura della lunghezza, che
può essere rilevata misurando la base della forcella al punto più alto della
vite che blocca l’attacco manubrio.

REGOLARE LA SERIE STERZO

Per effettuare le regolazioni della serie con filetto
servono un paio di apposite chiavi, dopodichè procedete svitando leggermente la
vite posta sopra alla serie sterzo, quindi potete avvitare (senso orario) il
dado che si trova al di sotto dello stesso fino ai primi segnali di
“indurimento”.

Mentre con una chiave vi assicurate di mantenere fermo il
dado inferiore, stringete il dado superiore contro quello inferiore.

Fatto, tenete ora fermo il dado superiore e fate ruotare in
senso antiorario quello inferiore fino alla sua completa chiusura.

Nel caso della regolazione della serie sterzo senza
filetto, fra l’altro il tipo maggiormente adottato sui telai, dovete munirvi di
un paio di chiavi a brugola, da 5 e 6 mm.

Procedete nella regolazione svitando il dado posto di lato e
avvitando il dado posto in testa. Prima di chiudere il dado laterale è meglio
assicurarsi che il manubrio si trovi in posizione diritta, poi procedere alla
chiusura.

LA MANUTENZIONE

Posizionare se possibile la mtb priva della ruota
anteriore su di un cavalletto.

In presenza della serie con filetto, svitare
leggermente  il dado superiore di
fissaggio ed allentare anche il dado sullo stelo. Servirsi di un martello per
liberare il cuneo. Fatto questo dovrebbe essere possibile togliere il manubrio.

Tenere la forcella mentre cercate di levare lo sterzo,
magari aiutandovi con un martello di gomma (attenzione) per separare il
manubrio dalla serie sterzo.

Se il modello della serie sterzo è senza filetto,
dovete allentare i dadi posti sopra e di lato con una brugola e smontare il
manubrio.

Con una serie filettata, tenendo saldamente la forcella
smontate l’anello di ancoraggio superiore, poi la rondella e quindi la calotta
di regolazione.

Ora potete ripulire ed ingrassare la sede dei
cuscinetti, oltre a verificare l’eventuale usura dei cuscinetti stessi; se necessario
procedete alla sostituzione dei cuscinetti, siccome le misure differiscono tra
i vari modelli, portate con voi il modello al momento dell’acquisto.